Spotify ha lanciato una serie di nuove iniziative volte a sostenere i musicisti in difficoltà durante la pandemia di coronavirus. Il punto culminante è il programma COVID-19 Music Relief di Spotify, che mira a raccogliere 20 milioni di dollari per gli artisti in difficoltà. Inoltre, il gigante dello streaming ha annunciato una nuova funzione che aiuterà gli artisti a raccogliere fondi personalmente, oltre a rinunciare temporaneamente alle spese per la sua suite di Spotify Creator Tools.

Spotify ha fatto l’annuncio in un post sul suo sito ufficiale. “Dall’inizio della pandemia di COVID-19, Spotify ha coinvolto partner in tutto il settore per discutere di come possiamo sostenere gli artisti e la comunità creativa che sono stati profondamente colpiti dagli effetti del virus”, ha scritto l’azienda. “Anche se lo streaming continua a giocare un ruolo chiave nel mettere in contatto i creatori con i loro fan, numerose altre fonti di reddito sono state interrotte o bloccate da questa crisi”.

COVID-19 Music Relief di Spotify ha già collaborato con le associazioni di beneficenza esistenti, tra cui MusiCares, PRS Foundation e Help Musicians, e sta attualmente cercando altri partner in tutto il mondo. L’azienda abbinerà le donazioni dollaro per dollaro, fino a 10 milioni di dollari, con l’obiettivo di raccogliere 20 milioni di dollari in totale. Se interessati, date il vostro contributo all’ente di beneficenza di vostra scelta sul sito web del programma, e Spotify lo farà raddoppiare.

La funzione di raccolta fondi per gli artisti non è ancora andata in onda, ma presto permetterà ai fan di sostenere direttamente i loro musicisti preferiti. Gli artisti avranno la possibilità di collegare le loro pagine di Spotify a una destinazione verificata per la raccolta fondi. Il denaro può essere indirizzato all’artista personalmente, a un altro artista bisognoso o a un’altra causa che ritiene meritevole. Spotify non prenderà una parte dei contributi.

Infine, gli Strumenti Creatori di Spotify sono stati temporaneamente modificati per ridurre l’onere per coloro che ancora creano a casa. Il mercato dei talenti SoundBetter sta rinunciando alla sua quota di entrate, il registratore audio Soundtrap offre prove estese gratuite per insegnanti ed educatori, e la piattaforma podcast Anchor sta rinunciando alle tasse sulla sua Listener Support Feature per i prossimi sei mesi a partire da aprile.

Spotify ha fatto questi annunci in un momento in cui le sue entrate hanno iniziato a diminuire. Lo streaming musicale e le vendite di album sono in calo durante la pandemia, con lo streaming che ha raggiunto il 7,3%. Prima di allora, però, Spotify era solo una questione di stampa e le principali etichette guadagnavano un milione di dollari l’ora di streaming. Ma potrebbe essere peggio: l’industria cinematografica è stata colpita ancora più duramente della musica, e si prevede che quest’anno perderà 20 miliardi di dollari.

SHARE

I commenti sono disattivati per questo post