Il produttore musicale Hal Willner, una delle forze creative dietro l’album ‘Lulu’ dei Metallica e Lou Reed, Lulu, è morto martedì (7 aprile) a causa delle complicazioni del coronavirus (COVID-19). Aveva 64 anni.

In risposta, i Metallica – che hanno ammesso di essere “scioccati e rattristati” dalla morte – hanno condiviso una dichiarazione in cui salutano l’icona musicale insieme a una foto del dietro le quinte della band che lavorava con Willner e Reed in studio.

Willner era conosciuto come produttore di sketch musicali del Saturday Night Live e curatore di album tributo e rivisitazioni di musica storica in una grande varietà di stili. Per la prima volta ha accennato alla sua positività al COVID-19 in un tweet del 28 marzo.

Il gruppo ha condiviso martedì delle parole a riguardo:

 “Siamo scioccati e rattristati dalla notizia della scomparsa del produttore, scrittore e compositore Hal Willner, avvenuta oggi. È stato un collaboratore davvero stimolante, qualcuno che attraverso la sua unica combinazione di conoscenza musicale e calda personalità, ha rinvigorito ogni progetto che ha toccato”.

Il batterista dei Metallica Lars Ulrich ha aggiunto:

“Farò sempre tesoro del tempo che ho trascorso con Hal in quegli ambienti stimolanti e collaborativi. Era una persona così calda, aperta e comunicativa, e come braccio destro di Lou, era assolutamente essenziale per spingere Lulu in avanti. Non lo dimenticherò mai”.

Willner si è infatti assicurato un posto nel pantheon dei rocker con i suoi contributi di coproduttore a Lulu. Reed è morto di malattia del fegato due anni dopo la sua uscita.

Ma il posto di Willner nel più grande mondo musicale è stato ottenuto dai numerosi album tributo che ha diretto. Lost in the Stars: The Music of Kurt Weill (1985), Stay Awake: Various Interpretations of Music from Vintage Disney Films (1988), e Rogue’s Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs, and Chanteys (2006) sono alcuni di questi.

SHARE

I commenti sono disattivati per questo post