Marcus Mumford ha detto che gli artisti hanno la “responsabilità di intrattenere”, dopo aver pubblicato due nuove canzoni nel bel mezzo della crisi del coronavirus.

Il frontman dei Mumford & Sons ha sorpreso i fan il mese scorso, pubblicando la sua potente cover di beneficenza di “You’ll Never Walk Alone” per raccogliere fondi per le famiglie delle vittime dell’incendio della Grenfell Tower, solo pochi giorni prima che il Regno Unito andasse in isolamento. La settimana scorsa ha dato seguito a questa iniziativa con “Lay Your Head On Me”, un’inaspettata collaborazione con Major Lazer.

Nonostante le attenzioni del mondo siano saldamente fissate sulla pandemia, Mumford crede che la nuova musica possa fornire una gradita dose di evasione nei momenti più bui.

“È piuttosto divertente liberare canzoni dalla quarantena, è piuttosto strano”, ha detto a NME. “Devi ancora fare le stesse conversazioni e abbiamo fatto dei video musicali da casa, il che è esilarante”. Ma ora più che mai sembra che gli artisti abbiano la responsabilità di intrattenere la gente e ci aiuta il fatto che ci vengano dati gli strumenti tecnologici per farlo”.

Continuava: “Per certi versi è piuttosto bello vedere cosa si può fare con quello che si ha, e la verità è che abbiamo molto da fare per fare musica. Molti artisti stanno facendo delle cose, e si pensa di più alle troupe dal vivo il cui lavoro si è prosciugato – abbiamo parlato con le nostre troupe.

“È un momento sconvolgente, ma gli artisti hanno la responsabilità di continuare a fare cose, ed è quello che stiamo cercando di fare”.

Mumford ha anche sottolineato che il ruolo della musica registrata è diventato sempre più importante durante la pandemia, poiché i fan cercano il divertimento in assenza di concerti e altri eventi culturali.

“Siamo una generazione la cui attenzione è diventata così breve che abbiamo bisogno di nutrirci, rapidamente e regolarmente”, ha detto. “Abbiamo sicuramente ancora bisogno di intrattenimento, ed è un momento in cui sia lo sport che i concerti non ci sono”. La musica registrata è così importante in un momento come questo. E anche la radio, fa parlare la gente e aiuta ad affrontare la solitudine”.

Quando gli è stato chiesto come passa il suo tempo in quarantena, Mumford ha spiegato che ha aderito a un’iniziativa locale per aiutare i vicini vulnerabili a procurarsi i beni essenziali.

“Sembra un momento in cui si ha il tempo di concentrarsi su se stessi e sulla propria famiglia, c’è un progetto locale che stiamo portando roba dal negozio del villaggio ai nostri vicini e sembra un momento per questo, per concentrarsi sul rapporto reale”, ha detto.

“Ma, allo stesso modo, è un momento in cui possiamo accendere delle conversazioni per far parlare la gente, e penso che anche questo sia fantastico”.

Per quanto riguarda la copertina di ‘You’ll Never Walk Alone’, Mumford l’ha originariamente registrata per un programma televisivo di prossima uscita del comico statunitense Jason Sudeikis, ma ha ricevuto il permesso di pubblicarla in aiuto di War Child UK e della Grenfell Foundation.

Ha detto del brano: “Tutte le stelle si sono allineate, era il momento giusto per farlo uscire. Le etichette hanno rinunciato ai diritti d’autore e Jason è stato felice di averlo in circolazione, anche se potremmo ancora usarlo nello show. Sembrava una cosa che potevamo fare in fretta, in parte per intrattenere la gente e in parte per far conoscere questi enti di beneficenza che so che stanno facendo un grande lavoro in questi tempi difficili”.

Mumford ha fatto sentire la sua voce sulla tragedia della Grenfell Tower, utilizzando il discorso di accettazione della band per il premio Steinbeck Award 2019 per evidenziare l’incidente.

“Ciò che è diventato chiaro, subito dopo la tragedia della Grenfell Tower, è che c’era un problema endemico di mancanza di voce in questa parte della nostra comunità”, ha detto. “O meglio, le voci degli emarginati sono rimaste inascoltate. Proprio alle porte della notoriamente ricca Notting Hill, la Grenfell Tower è stata occupata da residenti troppo spesso falliti sia dal mercato che dallo Stato”.

 

SHARE

I commenti sono disattivati per questo post