Amber Heard è stata condannata a pagare a Johnny Depp 10,35 milioni di dollari di danni per diffamazione dopo una lunga causa in tribunale. Tuttavia, l’attore dei “Pirati dei Caraibi” dovrà pagare anche i danni compensativi.

Mercoledì una giuria statunitense ha ritenuto Amber Heard responsabile di aver diffamato l’ex marito Johnny Depp e il giudice ha ordinato che gli paghi 10,35 milioni di dollari (circa 10 milioni di euro) di danni. La giuria aveva raccomandato 15 milioni di dollari.
La giuria si è espressa anche a favore della Heard per quanto riguarda alcuni aspetti della sua contro-causa contro Depp, in particolare il fatto che egli l’abbia diffamata attraverso il suo avvocato, e le ha assegnato 2 milioni di dollari.
La giuria mi ha restituito la mia vita. Sono davvero onorato“, ha dichiarato Depp, che non era presente in aula per il verdetto.

 

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Johnny Depp (@johnnydepp)

 

La Heard si è detta affranta dal verdetto. “Sono ancora più delusa da ciò che questo verdetto significa per altre donne. È una battuta d’arresto. Riporta indietro le lancette dell’orologio a un tempo in cui una donna che parlava e si esprimeva poteva essere umiliata pubblicamente. Fa tornare indietro l’idea che la violenza contro le donne debba essere presa sul serio“, ha dichiarato l’attrice in una dichiarazione pubblicata sul suo account Twitter.

Durante il processo, durato sei settimane, le star di Hollywood si sono accusate a vicenda di abusi prima e durante i due anni di matrimonio.
La Heard ha testimoniato che Depp l’ha aggredita fisicamente o sessualmente più di una dozzina di volte. Depp ha negato di averla picchiata e ha detto che era lei a diventare violenta nella loro relazione.

La giuria civile, composta da sette persone, ha deliberato per circa 12 ore nell’arco di tre giorni.
Gran parte dei giorni finali del processo si sono concentrati sulle conseguenze di entrambe le denunce, con Depp che ha testimoniato: “Ho perso niente di meno che tutto” e Heard che lo ha accusato di aver cercato di cancellare la sua capacità di lavorare.

Ora che mi trovo qui, non posso avere una carriera“, ha testimoniato la Heard alla fine del processo, crollando sul banco dei testimoni per la seconda volta. “Spero di riavere la mia voce. È tutto ciò che voglio“.

Il processo è stato seguito da milioni di persone sui social media e trasmesso in diretta televisiva.

SHARE

I commenti sono disattivati per questo post