Fred the Godson è morto dopo aver contratto il coronavirus all’inizio di questo mese.

Ha rivelato per la prima volta di essere stato in ospedale e attaccato a un ventilatore il 6 aprile, con la moglie che affermava che non se la stava passando bene. Secondo quanto riferito, ha iniziato ad avere progressi positivi in ospedale, ma alla fine ha perso la sua battaglia contro il virus.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Fred The Godson Aka Gordo (@fredthegodsonmusic) on

La notizia della morte del 35enne si è diffusa attraverso i social media che gli rendono omaggio.
Fred è stata una figura di spicco del rap newyorkese per oltre un decennio, e ha sfondato nel 2011 quando è apparso sulla copertina della XXL Freshman accanto a personaggi del calibro di Kendrick Lamar e Mac Miller. Ha collaborato con Diddy, Meek Mill e Pusha-T, tra gli altri, ed è rimasto prolifico fino alla sua morte. Anche quest’anno Fred the Godson ha rilascito un progetto da solista e una collaborazione con Jay Pharoah.

Nonostante tutte le sue collaborazioni di alto profilo e la risposta positiva della critica, Fred non ha mai firmato per un’etichetta. Spesso appariva alla radio hip-hop di New York esibendosi in freestyle.

Riposa in pace.

SHARE

I commenti sono disattivati per questo post