Dave Grohl ha ricordato felicemente il periodo in cui Prince gli chiese di suonare con lui e la sua band nel 2011, realizzando la “fantasia del rock’n’roll” del frontman dei Foo Fighters.

Grohl ha ricordato il divertente racconto sul suo nuovo account Instagram di Dave’s True Stories, che mira a far divertire la gente durante la pandemia di Coronavirus in corso con storie del passato di Grohl.

Pubblicato oggi (7 aprile), Grohl ha ricordato il momento in cui è stato invitato a suonare con Prince e la sua band al soundcheck durante i 21 appuntamenti dell’artista al Forum di Los Angeles nel 2011.

Dopo aver rifiutato l’opportunità di unirsi a Prince durante uno dei concerti del LA Forum, Grohl è stato successivamente invitato a unirsi a Prince ad un soundcheck pre-mostra la settimana successiva.

“Era una proposta che avevo desiderato per tutta la mia vita da adulto”, scrisse Grohl a proposito dell’invito. “Ma mai, nei miei sogni più sfrenati, avrei mai immaginato possibile. Jam. Con. Prince. Assolutamente insondabile”.

Dopo aver ricordato brevemente la prima volta che ha visto Prince esibirsi dal vivo (“Houdini non aveva niente su questo tipo… quell’uomo era un fottuto mago”), Grohl ha detto di essere rimasto adescamento tutta la settimana dopo l’invito a ricevere una chiamata da Prince: “Non esiste che mi sarei perso una chiamata da Prince”.

Alla fine il giorno del soundcheck è andato in giro e, nonostante non abbia ricevuto una telefonata da Prince in anticipo, Grohl si è recato al Forum di Los Angeles.

Dopo essere salito sul palco vuoto, Prince, secondo Grohl, è semplicemente “apparso”: “Non è un’esagerazione, gente. Giuro che il tizio si muoveva come un mago. Si è semplicemente… materializzato”.

Prince ha poi invitato Grohl a suonare la batteria con la sua band, così l’ex batterista dei Nirvana “ha iniziato a suonare un groove, niente di stravagante, ma a scavare per trovare l’orientamento su questo muro di batteria di behemoth” fornito dal batterista di Prince.

Prince
Prince

“Il principe mi guardò, ispezionandomi con un sorriso”, continuò Grohl. “Si è mosso verso il suo bassista per consegnargli lo strumento… lo ha legato, e ha proceduto a decimare la dannata cosa con il più morbido, funky, veloce e leggiadro suono che abbia mai visto fino ad oggi”.

“Un momento divino”, ha descritto Grohl l’esperienza – aggiungendo che non c’era “un’anima in vista per testimoniarlo”, come è avvenuto durante il soundcheck.

Grohl ha detto che Prince ha poi “preso la sua chitarra d’autore e ha iniziato a suonare il riff d’apertura di ‘Whole Lotta Love’ “.

“Lasciate che ve lo dica, gente: non ho le braccia piene di tatuaggi Zeppelin per niente. Questo era l’universo che si ripiegava su se stesso proprio davanti ai miei occhi! Prince mi stava spalancando la cassa toracica con gioia e si tuffava nella mia fottuta anima, gente!

Grohl concluse che questa esperienza era “la mia fantasia rock’n’roll si stava avverando”. E mentre non ha mai condiviso un palcoscenico con Prince durante uno degli spettacoli di quest’ultimo, Grohl ha detto di aver “realizzato un sogno di vita, senza alcuna prova da condividere con nessuno se non un ricordo che rimarrà con me per sempre”.

SHARE

I commenti sono disattivati per questo post