emanuele-aloia-trasparente

Leggi il Testo, la Traduzione in Italiano, scopri il Significato e guarda il Video musicale di Trasparente di Emanuele Aloia contenuta nell'album Trasparente. “Trasparente” è una canzone di Emanuele Aloia. Trasparente Lyrics.

TRADUZIONE - Emanuele Aloia - Trasparente

Vai al Testo Originale
Scopri il nuovo tour di Emanuele Aloia su

VIDEO MUSICALE


TRADUZIONE - Emanuele Aloia - Trasparente

CAPITOLO II
LA GENERAZIONE DEL VAMPIRO
Si può ora chiedere come un essere umano si trasforma o si trasforma in un vampiro, e sarà bene qui tabulare le cause che si ritiene generalmente predispongano le persone a questa condizione demoniaca. Si può presumere che, poiché la tradizione è in gran parte slava e greca, molte di queste cause che sono molto comunemente assegnate e accreditate nell'Europa orientale non si troveranno prevalenti altrove.
Il vampiro è colui che ha condotto una vita più che ordinaria immoralità e malvagità sfrenata; un uomo di passioni sporche, grossolane ed egoiste, di ambizioni malvagie, deliziato dalla crudeltà e dal sangue. Arthur Machen ha molto acutamente sottolineato che "La stregoneria e la santità sono le uniche realtà. Ognuna è un'estasi, un ritiro dalla vita comune". Il mondo spirituale non può essere limitato al supremamente buono ", ma i malvagi supremi, necessariamente, hanno la loro parte in esso. L'uomo comune non può essere più un grande peccatore di quanto possa essere un grande santo. La maggior parte di noi è solo indifferente, creature confuse; noi confondiamo il mondo senza renderci conto del significato e del senso interiore delle cose e, di conseguenza, la nostra malvagità e la nostra bontà sono allo stesso modo insignificanti di secondo livello ... il santo si sforza di recuperare un dono che ha perso; il peccatore cerca di ottenere qualcosa che non è mai stato suo. In breve, ripete la caduta ... non è il semplice bugiardo ad essere escluso da quelle parole; sono soprattutto gli "stregoni" che usano la vita materiale, che usano i fallimenti inerenti alla vita materiale come strumenti per ottenere i loro fini infinitamente malvagi. E lascia che ti dica questo; i nostri sensi superiori sono così schietti, siamo così intrisi di materialismo, che probabilmente dovremmo non riuscire a riconoscere la vera malvagità se ci incontrassimo it.)"
Huysmans ha detto lì: "Poiché è molto difficile essere un santo, resta da diventare un santanico.
p. 78
dei due estremi. Si può avere l'orgoglio di discutere nei crimini ciò che un santo vale in virtù ".
È stato detto che un santo è una persona che sceglie sempre il meglio dei due corsi aperti a lui ad ogni passo. E così l'uomo che è veramente malvagio è colui che deliberatamente sceglie sempre il peggio dei due corsi. Anche quando fa cose che sarebbero considerate giuste, le fa sempre per qualche cattiva ragione. Identificarsi in questo modo con un determinato corso richiede un'intensa concentrazione e una forza di ferro di volontà, e sono tali persone che diventano vampiri.
Si ritiene che il vampiro sia uno che si è dedicato durante la sua vita alla pratica della Magia Nera, e difficilmente si suppone che tali persone resterebbero indisturbate, mentre è facile credere che la loro malevolenza abbia messo in azione forze che potrebbe rivelarsi potente per il terrore e la distruzione anche quando erano nelle loro tombe. Qualche volta si diceva, ma la convinzione è rara, che il vampiro fosse la progenie di una strega e del diavolo.
Durante le prove e nelle confessioni delle streghe ci sono molti dettagli del coito del diavolo e della strega, ma quegli esempi dati da Henri Boguet nella sua grande e autorevole opera Discours des Sorciers (Terza edizione, Lione, 1590) possono essere molti. Dedica il capitolo XII alla connessione del diavolo e della strega: "Il demone si accoppia con la strega e lo stregone ... 1. Il demone bussa a tutte le streghe, e perché. 2. Si mette anche in donna per Streghe e perché. 3. Altre ragioni per cui il Demone bussò a Streghe e Streghe. " Più di una strega ha riconosciuto che Satana l'aveva conosciuta sessualmente e nel Capitolo XIII Boguet decide: "L'accoppiamento di Satana con lo Stregone è reale e non immaginario ... Quindi ad alcune persone non importa ... Ma le confessioni degli Stregoni che avevo in mano, mi fanno credere che sia qualcosa di simile. Finché hanno riconosciuto tutti, che sono stati accoppiati con il Diavolo e che il seme che era stato lì era molto freddo ... Iaquema Paget adoittoit, che aveva afferrato più volte con la mano il membro del Demone, che lo aveva bussato, e che il membro era freddo come il ghiaccio, come un dito buono, e meno grande come un uomo: Tieuenne Paget e Antoine Tornier anche adioustoient, che il membro dei loro demoni
p. 79
cstoit lungo e gros comme l'un de leurs doigts. "Questo eminente studioso e demonologo, Marie, Maria Sinistrari, OSF, ci dice nel suo The Demonialitate" E 'indubbio dai teologi e filosofi che rapporto carnale tra l'uomo e il Demone volte dà vita a esseri umani; ed è così che l'Anticristo è quello di essere nato, secondo alcuni medici, per esempio, Bellarmino, Suarez, e Thomas Malvenda. . Osservano inoltre che, da una causa naturale, i bambini così generato da crimini sono alti, molto resistente e sanguinosamente audace, parole al di là arroganti, e insanabilmente maligno "Sant'Agostino, la città di Dio, 15, 23, dice:" Il più comune fama est multique se expertos uel ab eis, qui experto essent, de quorum fide dubitandum non esset, audisse confirmant, Siluanos et Panes, quos uulgo incubos uocant, inprobos saepe extitisse mulieribus et earum adpetisse ac perigisse concubitum; E certi uomini demoni Duses Galli, ripetere questa sporcizia e cercare di fare lo stesso, in genere affermato, che è una follia negare tutto. "" E vederlo è la relazione di un così generale, e così molti vista neanche dalla propria esperienza o da gli altri, che sono di onestà indubitabile e ritiene che la Sylvan e cerbiatti, comunemente chiamati crimini sono spesso le donne swived, desiderando ed agendo carnalmente con loro; e che certi demoni che il Galli chiamato "due" non sempre praticano questa impurità e attirare altri ad esso, che si afferma da tali persone e con tale peso che fosse l'altezza di impudenza di negarlo. "Charles Rene Billuart, il celebre Dominicana (1685-1757) nel suo trattato di angelo ci dice: "Lo stesso spirito maligno può servire come una succube di un uomo, e come un incubo per una donna". La grande autorità di S. Alfonso Liguori nella sua pratica dei confessori . 7, n III, stabilisce: "Alcuni negano che ci sono spiriti maligni, Incubus e succubi, ma gli scrittori di peso, eminenza e l'apprendimento, per la maggior parte prevedono che tale è in verità il caso." Sinistrari, come abbiamo notato, dice che i bambini nati del diavolo e delle streghe sono "insanabilmente maligno", e abbiamo appena visto che le persone di più della vita di solito male si dice per diventare vampiri.
Ad eccezione dell'Inghilterra, - poiché le streghe erano invariabilmente impiccate tra noi, - la pena universale per la stregoneria
p. 80
era il paletto; e la cremazione, il rogo del cadavere, è considerato uno dei pochi modi, e forse il modo più efficace, in cui la vampirisina può essere eliminata e portata a termine. Il fatto che le streghe siano state impiccate in Inghilterra è un fatto che è stato spesso commentato con una certa sorpresa, e le persone che hanno viaggiato in Francia e in Italia erano inclini a consigliare la stessa punizione dovrebbe essere inflitta a casa come in tutti gli altri paesi. Si pensava che, a meno che il corpo non fosse stato completamente consumato, avrebbe potuto dimostrare che non avevano eliminato la cosa nociva. In Scozia, nel 1649, quando Lady Pittadro, che era stata incarcerata per accusa di stregoneria, morì prima del suo processo, il suo corpo fu sepolto nel solito modo. Ma è seguita una notevole eccitazione e ci sono state istantanee lamentele per coloro che erano in alto, poiché l'Assemblea generale scozzese ha ritenuto che il corpo avrebbe dovuto essere bruciato e la seguente voce compare tra i registri: "Per quanto riguarda la questione della sepoltura di Lady Pittadro, che, essendo sotto un grande scandalo di stregoneria, ed essendo incarcerato nel Tolbuith di questo borgo durante il suo processo I prima della giustizia, morì in prigione. La Commissione dell'Assemblea Generale, dopo aver considerato il rapporto del Comitato nominato a tale scopo, Doe dà il loro consigliare al Presbiterio di Dumferling di mostrare la loro antipatia per quel fatto del buriall di Lady Pittadro, nel rispetto delle modalità e del luogo, e che il detto Presbiterio può lavorare per rendere le persone che la seppelliscono sensate della loro offesa in modo doeing; e alcune delle persone che hanno seppellito il loro, essendo presenti personalmente, sono volute dalla Commissione per mostrarsi a loro volta, alle Presbiterie sensibili al loro aborto ge in esso ". Ancora una volta nel 1652 alcune persone che erano state residenti in Francia e che probabilmente avevano seguito i famosi procedimenti giudiziari a Louviers espressero la loro sorpresa che in Inghilterra il patibolo e non il palo fossero la penalità per questa specie di crimine. Nel caso Louviers, un orribile record di diabolismo, masse demoniache, lussuria e blasfemia, il 21 agosto 1647, Thomas Boullé, un noto satanista, fu bruciato vivo nella piazza del mercato di Rouen e ciò che è davvero notevole il corpo di Mathurin Picard che era morto cinque anni prima e che era stato seppellito vicino alla griglia del coro nella cappella delle suore francescane che era così spaventosamente perseguitato, fu sinterizzato, trovato (così si dice)
p. 81
intatto. In ogni caso è stato bruciato in cenere nello stesso fuoco che ha consumato il miserabile Boullé e sembra probabile che questo cadavere sia stato incenerito per porre fine agli attacchi dei vampiri sul chiostro. A Maidstone, nel 1652, "Anne Ashby, alias Cobler, Anne Martyn, Mary Browne, Anne Wilson e Mildred Wright di Cranbrooke e Mary Read, di Lenham, essendo legalmente condannati, erano secondo le leggi di questa nazione, dichiarate giudicate impiccato, nel luogo comune dell'Esecuzione. Alcuni erano quelli che desideravano piuttosto che fossero bruciati in cenere; sostenendo che era un'opinione ricevuta tra molti, che il corpo di una strega veniva bruciato, il suo sangue è impedito in tal modo da diventare ereditario a la sua Progenie nello stesso male. "
È stato anche registrato che in un caso la strega stessa ha ritenuto di dover essere inviata al rogo. Un ricco contadino nel Northamptonshire aveva fatto il nemico di una donna di nome Anne Foster. Trenta delle sue pecore sono state scoperte morte con "Le loro gambe si sono spezzate e le loro ossa sono state frantumate nelle loro pelli". Poco dopo la sua casa e molti dei suoi fienili furono trovati in fiamme. Si sospettava che Anne Foster lo avesse provocato con la stregoneria. Fu processata con questa accusa a Northampton nel 1674 e "Dopo che la sentenza di morte era passata su di lei, avrebbe potuto desiderare di essere bruciata; ma la Corte non se ne sarebbe accorta, ma che sarebbe stata impiccata nel luogo comune di Esecuzione."
Queste due categorie sono quelle alle quali, si ritiene generalmente, possono essere assegnati casi di vampirismo e le classi rimanenti sono quasi del tutto peculiari per la Cecoslovacchia, la Jugo-Slavia, la Grecia e l'Europa orientale.
Si ritiene che il vampiro sia uno che per qualche ragione è sepolto con riti mutilati. Si noterà che questa idea ha una connessione molto distinta con l'ansia che il greco e il romano prendevano nei tempi classici che i morti dovevano essere consegnati alla tomba con una cerimonia piena e solenne. L'esempio potrebbe essere moltiplicato sull'esempio e sarà sufficiente fare riferimento al passaggio nell'Iliade in cui l'anima di Patroclo è rappresentata come esigente urgentemente le ultime osservazioni cerimoniali sulla tomba.
"Dormi, Achille, insensato al tuo amico,
Trascurare, non i vivi, ma i morti?
Affrettati i miei riti funebri, affinché io possa passare p. 82
Attraverso le cupe porte di Ade; prima che fossero fatti,
Gli spiriti e gli spettri degli uomini defunti
Guidami lontano da loro, né permetti di attraversare
Il fiume aborrito; ma abbandonato e triste
Vado in giro per i regni della notte.
E dai ora la tua mano, dopo di che piangi;
Per mai più, quando posato sulla pira,
Devo tornare dall'Ade; mai più,
A parte tutti i nostri compagni, dovremmo due,
Come amici, prendi il dolce consiglio; per me, morte severa,
Il comune uomo ha aperto la bocca;
Anche tu, Achille, rivale degli dei,
Arte destinata qui sotto le mura di Troia
Per incontrare il tuo destino; ma una cosa devo aggiungere,
E, se vuoi concederlo, fai una richiesta.
Non lasciare che le mie ossa siano distanziate dalle tue,
Achille, ma insieme, come la nostra giovinezza
È stato speso insieme nella casa di tuo padre,
Sin dal primo momento mio padre Menius mi ha fatto un ragazzo
Da Opus portato, un omicidio sfortunato,
Chi di Anfidama, per caso,
Aveva ucciso il figlio, contestando i dadi
Io nobile Peleo nella sua casa accolto,
E cortesemente curato, e il tuo inseguitore chiamato;
Quindi in un'urna ora si trovano le nostre ossa chiuse
Il vaso d'oro, il dono di tua Dea-madre. "
A chi rispondeva così Achille, rapido a piedi:
Perché sei qui ad amare essere? perché su di me
Queste diverse accuse risiedono? qualunque cosa tu abbia ordinato
Mi esibirò e tutto in un breve abbraccio,
Lasciateci, mentre ancora possiamo, concederci il nostro dolore ".
Così, mentre parlava, allargò le braccia bramose.
Ma nulla ha stretto; e con un pianto lamentoso,
Svanito, come il fumo, lo spirito sotto la terra.
Avendo ucciso suo marito, l'atroce Clitennestra urla il peccato sul peccato e oltraggia non solo ogni sentimento decente e rispetto umano, ma in qualche modo misterioso insulta la maestosità del cielo stesso in quello, un atto supremo di insolente insolenza, "ha osato posare suo marito nella tomba senza lutto e senza lamento o lamento "per uno spettacolo adeguato di dolore esteriore era considerata una parte essenziale e religiosa di qualsiasi funerale greco. Con accenti amari, Electra piange:
O soldi
sii sempre una madre, a spese della gente
Nessuna azione civile
Non per cinque
Stai per essere sepolto?
p. 83
Come ci ha mostrato Sofocle in quel grande dramma che alcuni non senza ragione considerano la suprema eccellenza della tragedia greca, l'eroismo di Antigone la porta a livelli di forza impavida in questa causa della divina carità. Per spargere qualche manciata di polvere sul corpo di suo fratello, che non è sepolto nella pianura tebana, depone volentieri la propria vita, infrange la legge artificiale di un tiranno debole e odioso, resistendogli fino alla faccia, con calma come in severo dovere legato senza vanto o dimostrazione di audacia, facendo appello contro i tribunali meschini e precisiani di un giorno all'eterna sede del giudizio di poteri più antichi e più terribili del trono di Zeus stesso, gettando via il suo terribile trotto a Hæmon come se era una sciocchezza, e meno di una sciocchezza senza motivo, andare volentieri e serenamente al suo tragico destino. Questo disprezzo delle ordinanze umane, questo gelido disprezzo delle passioni umane, dell'amore stesso, danno alla figura dell'Antigone qualcosa di statuario, qualcosa di straordinariamente freddo nella stessa bellezza della sua nobiltà, e ci ricordano, sebbene nel suo totale distacco anche lei, la più pura La fanciulla greca, è molto al di sotto del mistico spagnolo di S. Teresa, che in pagine fredde come il ghiaccio, ma che brillano come il fuoco, discende sulla nullità degli affetti umani e sulla domanda inflessibile della legge eterna. Quindi nel grande ma duro entusiasmo di Antigone non c'è spazio per i sentimenti. Gli unici tocchi che potrebbero sembrare una concessione alla debolezza umana, ma servono a rendere più evidente e terribile l'assenza di simpatie romantiche. In un passaggio del Kommos piange il suo nodo vergine sciolto, eppure non ha più di sei parole da buttare via sulla sua promessa sposa:
Z filtath Aimon come p; Padre `atimaxei
Se consideriamo la fermezza e la purezza inflessibile del suo scopo, ci rendiamo conto in qualche misura di quanto sia stato l'ideale eccezionale che l'ha ispirata, e siamo in grado di apprezzare il prezzo che sembrava adatto a un greco dovrebbe essere pagato per l'esecuzione giusta e rituale di gli ultimi doveri verso i morti.
Pausania ci dice che l'onore di Lisandro fu per sempre ghigno, non perché mise a morte alcuni prigionieri di guerra, ma perché "non gettò nemmeno manciate di terra sui loro corpi morti". Si noterà che per l'antico greco è bastato questo simbolismo di inumazione, se
p. 84
non si poteva fare altro. Tale era davvero il minimo, ma era abbastanza, e questa piccola cerimonia era prevista dalla Legge Attica su tutti coloro che si erano imbattuti in un cadavere che non era sepolto. A noi sembrerebbe del tutto inadeguato, se non nugatorio e vanitoso, ma ai Greci - e chissà quanto fossero più saggi in questo di noi? - questo atto aveva un significato mistico, poiché era come haslian felicemente espresso "l'adempimento di una misteriosa legge di pietà imposta dalla natura". Si credeva addirittura che gli animali, quando si imbatterono in morti del loro genere, avrebbero raschiato con le loro zampe una piccola terra sopra il corpo. Per l'uomo moderno la sepoltura nella terra, o può essere la cremazione, è un modo necessario e decoroso per lo smaltimento dei morti. Eppure, nell'immaginazione greca, questi riti implicavano qualcosa di molto di più e implicavano una certa disposizione per il benessere di ciò che era immateriale ma permanente, lo spirito o l'anima. Fintanto che il corpo rimane, l'anima potrebbe essere in qualche modo legata e dolorosamente legata ad essa, una credenza che, come abbiamo notato, era sostenuta da Tertulliano e da molti altri primi scrittori. Ma la dissoluzione del corpo significava che l'anima non era più detenuta in questo mondo dove non aveva un posto prestabilito, ma che era in grado di passare senza lasciare né ostacolare la propria dimora preparata per esso e per la quale era preparata. In passato, gli uomini hanno assistito diligentemente i morti in questo modo come un pio obbligo, e come abbiamo visto nel caso più famoso di tutti, quello di Antigone, erano pronti ad andare avanti in qualsiasi misura e fare qualsiasi sacrificio per adempiere a questo obbligo . Fu negli anni successivi, specialmente sotto l'influenza della tradizione slava che non solo l'amore ma anche la paura li costrinsero a svolgere questo dovere verso i morti, poiché si pensava generalmente che quelli i cui corpi non erano dissolti potessero tornare, corpi rianimati, il vampiro desideroso per soddisfare la sua vendetta nei confronti dei vivi, la sua brama di succhiare sangue caldo e puzzolente, e quindi l'adempimento di questi doveri funebri era una protezione per se stessi e un beneficio per i defunti.
Molto legata a questa idea è la convinzione che quelle persone diventino vampiri che muoiono sotto il bando della chiesa, vale a dire che muoiono scomunicati. La scomunica è la pena principale e più grave che la Chiesa può infliggere, ed essendo una pena così grave da presupporre naturalmente un reato molto grave. Può essere definito approssimativamente
p. 85
come punizione che priva i colpevoli di ogni partecipazione ai comuni benefici spirituali di cui godono tutti i membri della società cristiana. Vi sono certamente altre misure correttive che comportano la perdita di determinati diritti particolari; e tra queste vi sono censure come la sospensione per i chierici, l'interdizione per i chierici e i laici e intere comunità, l'irregolarità ex delicto e altre. La persona scomunicata non smette di essere cristiana, poiché il suo battesimo non può mai essere cancellato ma è considerato un esilio e persino, si può dire, come inesistente, per un periodo in ogni caso, agli occhi di ecclesiastici autorità. Ma tale esilio finisce, e questo la Chiesa desidera ardentemente, non appena l'autore del reato ha dato adeguata soddisfazione, ma nel frattempo il suo status è quello di un alieno e di uno sconosciuto.
Poiché la scomunica è la decadenza dei privilegi spirituali di una certa società, ne consegue che solo quelli possono essere scomunicati che per qualsiasi diritto appartengono a questa società. Inoltre, a rigor di termini, la scomunica può essere dichiarata solo contro i battezzati e i viventi, un punto da considerare in dettaglio in seguito. Inoltre, al fine di rientrare nella giurisdizione del forum externum, che da solo può infliggere scomunica, il reato che comporta questa sanzione deve essere pubblico ed esterno. Perché esiste una separazione ben definita tra quelle cose che riguardano l'esterno del forum, o tribunale ecclesiastico pubblico, e il forum interno, o tribunale della coscienza. Allo stesso tempo, nella bolla "Exsurge Domine", 16 maggio 1520, Leone X, giustamente condannava la ventitrea proposta di Lutero secondo la quale "le scomunica sono solo punizioni esterne, né privano un uomo della comune spiritualità preghiere della Chiesa ". Pio VI, "Auctorem Fidei", il 28 agosto 1794, condannò anche la quarantaseiesima proposta dello pseudo-sinodo di Pistoia, secondo il quale l'effetto della scomunica è solo esteriore, per sua stessa natura si esclude solo dalla comunione esteriore con la Chiesa, come se, dicesse il Papa, la scomunica non fosse essenzialmente anche una pena spirituale vincolante in cielo e che colpisce le anime. La suddetta proposizione fu quindi condannata come "falsa et perniciosa", falsa e perniciosa, già riproposta e condannata nella ventiduesima proposizione di Lutero e, per non dire altro, incorre nel segno tecnico
p. 86
"erroneamente" (erroneo), poiché contraddice una certa (certa) conclusione o verità teologica che è chiaramente e necessariamente deducibile da due premesse, di cui una è un articolo di fede e l'altra naturalmente certa. In verità, la Chiesa non può (né cerca né desidera) opporsi ad alcun ostacolo al rapporto interiore e personale dell'anima con il suo Creatore. Tuttavia i riti della Chiesa sono il canale regolare e nominato attraverso il quale viene trasmessa la grazia divina, e quindi ne consegue che l'esclusione da questi riti comporta inevitabilmente la privazione di questa grazia, alle cui fonti prescritte e disponibili la persona scomunicata. non ha più accesso.
Va detto che sia dal punto di vista morale che giuridico il senso di colpa necessario per l'insorgere della scomunica implica varie condizioni di cui le tre più importanti sono, in primo luogo il pieno uso della ragione; secondo sufficiente, se non assoluta, libertà morale; e in terzo luogo una conoscenza. della legge e persino della pena, poiché ne consegue che se tale conoscenza manca, non può esserci quel disprezzo della legge ecclesiastica nota come contumacia, la cui essenza consiste nel compiere deliberatamente un'azione pur essendo pienamente consapevole e consapevole non solo che l'azione è vietata, ma anche che è vietata in base a una certa penalità definita, la cui natura esatta è essa stessa definita e conosciuta. Pertanto sono spesso presenti varie causee excusantes, circostanze attenuanti, che attenuano così tanto la colpevolezza che impediscono l'insorgere della scomunica. Difficilmente è necessario esaminare le circostanze poiché nella pratica potrebbero esserci, e in effetti, molte considerazioni ed esenzioni che devono essere prese in considerazione, ma in generale mancanza di pieno uso della ragione, mancanza di libertà derivante dalla paura - una persona fisicamente vincolata o moralmente terrorizzata non ha libertà di volontà e non è responsabile - o l'ignoranza, persino l'ignoranza influenzata, può chiunque di loro essere ostacoli all'incorrere in quella misura di peccabilità necessaria per meritare un estrema pena spirituale. L'ignoranza colpita è una mancanza di conoscenza in coloro che potrebbero ragionevolmente e senza grave difficoltà informarsi e illuminarsi, ma non sono tenuti a farlo, e poiché ogni legge penale deve essere interpretata rigorosamente, se tale statuto è positivo e stabilito termini esalta la conoscenza da parte di
p. 87
il colpevole, è scusato anche dall'ignoranza influenzata. Ancora una volta, la scomunica può essere "occulta" quando l'offesa che la comporta non è nota a nessuno o quasi a nessuno. Vale a dire quando non è stato dato nessuno scandalo. Ciò, va sottolineato, è valido solo nel forum interno, e sebbene chi ha avuto una comunicazione occulta debba essere assolto il prima possibile, non è tenuto ad astenersi da atti esterni connessi all'esercizio della giurisdizione e, inoltre, dal momento che ha il diritto di giudicare se stesso e di essere giudicato dal suo direttore in base alla verità esatta e alla sua apprensione, di conseguenza nel tribunale della coscienza chi è ragionevolmente certo della sua innocenza non può essere costretto a trattarsi come scomunicato, anche se deve essere ragionevolmente e giustamente persuaso.
Ora può essere brevemente indagato, chi può scomunicare? Il principio generale è che chiunque abbia giurisdizione nell'esternum del forum può scomunicare, ma solo i propri argomenti. Pertanto, sia che le scomunica siano tecnicamente un diritto o un omino, possono provenire solo dal sommo Pontefice o da un consiglio generale per l'intera Chiesa; dal vescovo per la sua diocesi; da un prelato nullius per territori quasi diocesani; e dai prelati regolari per i loro sudditi, vale a dire per gli ordini religiosi. Inoltre chiunque può scomunicare chi ha giurisdizione nell'esternum del forum in virtù del suo ufficio, anche se questo è delegato, ad esempio legati, vicari capitolari e vicari generali possono esercitare questo potere. Ma un parroco non può infliggere questa pena, né può nemmeno dichiarare che è sostenuta, vale a dire che non può pronunciarla in modo ufficiale come giudice. Il diritto di assolvere appartiene evidentemente a colui che può scomunicare e che ha imposto la censura, e ovviamente appartiene a qualsiasi persona da lui delegata in tal senso, dal momento che il potere, essendo competente, può essere affidato a un altro. Tecnicamente, le scomunica sono divise in quattro classi: quelle particolarmente riservate al Sommo Pontefice; quelli semplicemente riservati al sommo Pontefice; quelli riservati al Vescovo (all'ordinario); e quelle nemini reseruatae, che non sono riservate. Di conseguenza, in generale, solo il Santo Padre può assolvere dai primi due tipi di scomunica, sebbene naturalmente il suo potere si estenda a tutti i tipi; Vescovi (e ordinari)
p. 88
può annullare le scomunica della terza classe; mentre il quarto tipo, nemini reseruatae, può essere revocato da qualsiasi sacerdote che abbia autorità senza la necessità di una particolare delegazione. Oltre a ciò, esistono in pratica alcune concessioni poiché i vescovi godono di facoltà e ingiurie molto liberali, che sono inoltre, il più ampiamente comunicabili per cui hanno il potere di assolvere in foro interno da tutti i casi tranne quelli che sono sicuramente e nominatim riservati al Sommo Pontefice. Vi sono anche circostanze tecnicamente note come "Casi urgenti", in cui il potere concesso è valido per tutti i casi, senza eccezioni, legalmente riservati sebbene possano essere alle massime autorità, anche al papa stesso, e persino all'assoluzione di un complice (Sant'Uffizio, 7 giugno 1899). Infine, la legge canonica stabilisce che in punto di morte o in pericolo di morte, tutte le riserve cessano e tutta la giurisdizione necessaria è fornita dalla Chiesa. "In punto di morte", dice il Concilio di Trento (Sessione XIV, c. Vii), "in pericolo di morte", dice il Rituale Romanum, qualsiasi sacerdote può assolvere da tutti i peccati e le censure, anche se è senza ordinaria facoltà di confessore o se egli stesso fosse scomunicato. Può anche farlo in presenza di un altro sacerdote debitamente e canonicamente autorizzato, che gode della giurisdizione (Sant'Uffizio, 29 luglio 1891).
È stato detto da uno storico moderno: "La terribile importanza della Scomunica al momento può essere realizzata a malapena. Le persone pigramente si chiedono perché gli scomunicati prendano il loro caso così seriamente - perché non si girano per trovare divertimento o soddisfazione, in un altro canale - perché continuano a mentire inclini nel fango in cui il fulmine li ha colpiti E, in effetti, nei tempi moderni raramente viene promulgata la frase formale, e solo contro le persone distinte come il tedesco Dr. Döllinger o il Sabaudo King Vittoremanuele II di Savoja, le cui stesse circostanze hanno fornito loro i mezzi per placare l'irritazione temporale del colpo ". Gli effetti immediati della scomunica sono riassunti nei due versi famosi:
Se sacro rito, l'associazione, e la potenza volta;
Le fattorie Forum internazionale sulla proibisce i diritti civili.
Potrebbe essere bene ora dare uno sguardo molto breve alla storia dell'attuale pratica della scomunica. Tra gli ebrei
p. 89
l'esclusione dalla sinagoga era una vera scomunica, ed è a questo che si fa riferimento in 1 Esdras x, 7 e 8: "e l'annuncio fu fatto in Giuda e Gerusalemme a tutti i figli della cattività, che dovevano riunire insieme Gerusalemme. E che chiunque non sarebbe venuto entro tre giorni, secondo il consiglio dei principi e degli antichi, tutte le sue sostanze dovrebbero essere portate via e dovrebbe essere cacciato dalla compagnia di loro che furono restituiti dalla prigionia ". Fu questa esclusione che fu temuta dai genitori dell'uomo che era nato cieco, che quando furono interrogati dai farisei non fornirono una risposta definitiva con riferimento alla guarigione del loro figlio ", perché temevano gli ebrei: per gli ebrei avevano già concordato tra loro che se un uomo dovesse confessarlo come Cristo, dovrebbe essere messo fuori dalla sinagoga ". Ancora una volta ci viene detto che "molti dei principali uomini credevano anche in lui; ma a causa dei farisei non lo confessarono, che non potevano essere scacciati dalla sinagoga". Agli apostoli fu detto: "ti metteranno fuori dalle sinagoghe; sì, l'ora verrà, che chiunque ti uccida, penserà che egli presti servizio a Dio". Questa pena esercitata dagli ebrei prefigurati in seguito censura, poiché si dice: "nella bocca di due o tre testimoni ogni parola può reggere. E se non li ascolterà: dillo alla Chiesa. E se non ascolterà la Chiesa, lascia che sia a te come il pagano e il pubblicano. In verità ti dico che qualunque cosa legherai sulla terra, sarà legata anche in cielo; e qualunque cosa tu perderai sulla terra, sarà sciolta anche in cielo. " Secondo la Chiesa ortodossa questo potere è stato trasmesso ai successori degli apostoli, vale a dire ai vescovi, in modo che anche loro avessero la facoltà di legare e perdere. Ma qualcosa di molto preciso era ulteriormente implicito. Questa facoltà ebbe effettive conseguenze fisiche e i Greci sostenevano che la scomunica arrestò la decomposizione di un corpo dopo la morte. In effetti l'incorruttibilità del corpo di qualsiasi persona legata da una maledizione è stata fatta una dottrina definita della Chiesa ortodossa. La stessa formulazione del testo ha certamente ammesso una simile interpretazione. ἀμὴν λέγω ὑμῖν, ὅσα ἐὰν δήσητε ἐπὶ τῆς γῆς ἔσται δεδεμένα ἐν τῷ οὐρανῷ · Καί ὅσα ἐὰν λύσ τ
La parola "sciolto" esprime ugualmente le idee di dissoluzione
p. 90
e di assoluzione, mentre δέω "legare" significa i loro rispettivi e diversi opposti. Di conseguenza, dovevano essere fornite forme di assoluzione che potevano essere lette su corpi trovati in una tale condizione, poiché si pensava che ciò potesse essere causato da quasi ogni maledizione, sebbene un anatema episcopale fosse considerato il più pesante e il più terribile . Tuttavia potrebbe darsi che queste condizioni derivino dalla maledizione di un genitore anche da un'imprecazione pronunciata da un uomo contro se stesso, o dal divieto di un prete, poiché nella Chiesa ortodossa il potere di scomunicare apparteneva ai sacerdoti e ai vescovi , ma non dovrebbero esercitarlo senza sanzione episcopale. Una di queste assoluzioni procede così: "Sì, o Signore nostro Dio, prevalga la Tua grande misericordia e la meravigliosa compassione; e, se questo Tuo servitore giace sotto la maledizione di padre o madre, o sotto la sua stessa imprecazione, o ha provocato uno del Tuo santo ministri e sostenne per mano un vincolo che non era stato sciolto, o che incorreva nel più severo divieto di scomunica da parte di un vescovo, e attraverso la noncuranza e la pigrizia non ottennero perdono, perdonalo con la mano del tuo servo peccatore e indegno; risolvi Tu il suo corpo in ciò da cui è stato fatto e stabilizza la sua anima nel tabernacolo dei santi ". Quindi nel servizio di sepoltura viene creato un orison che il corpo può essere dissolto nella polvere di cui è stato realizzato, συνετέθη, e in un solenne Requiem, viene offerta la supplica "Slega la maledizione, sia essa di sacerdote o di presbitero", Λῦσον κατάραν, ἐίτε ἱερέως ἐίτε ἀρχιερέως.
Naturalmente, come è chiaramente espresso, la maledizione che la Chiesa ortodossa considerava più pesante ed efficace era il divieto di scomunica da parte di un vescovo, e quindi la formula della scomunica condannò l'autore del reato a rimanere integro dopo la morte, e il corpo non fu liberato fino a quando l'assoluzione non fu letta su di essa e la scomunica formalmente revocata.
Tuttavia, è emersa una notevole difficoltà. È stato scoperto che a volte la scomunica non riusciva a produrre il risultato fisico atteso e il corpo si sbriciolava in polvere nel modo ordinario. Di conseguenza, si è dovuto tenere conto e spiegare questo e Leone Allacci nel suo De quorundam Graecorum opinionationibus cita un nomocanon de excommunicatis che si propone di spiegare come a volte questa scomunica
p. 91
può fallire il suo risultato. "Le persone preoccupate scomunicano ciò che purtroppo incorre nella scomunica episcopale e dopo la morte si trovano con i loro corpi" non sciolti "(ἄλυτα)."
Alcune persone sono state debitamente, giustamente e legalmente scomunicate dai loro vescovi, come malvagi e trasgressori della legge divina, e hanno senza penitenza e rettifica, o senza ricevere l'assoluzione, sono morte nello stato di scomunica, e quindi sono state sepolte, e in poco tempo dopo che i loro corpi sono stati trovati "allentati" (λελυμένα) e articolazione triturata dall'articolazione, osso da osso.
Superare ciò che è strano e meraviglioso è ciò che dopo essere stato scomunicato legalmente dopo la sua morte dovrebbe essere trovato con il corpo "sciolto" (λελυμένος τὸ σῶμα) e le articolazioni del corpo separate.
Una circostanza così straordinaria fu immediatamente sottoposta a un conclave di esperti teologi, che dopo un lungo dibattito decisero che qualsiasi persona scomunicata il cui corpo non fosse rimasto intero non aveva più speranza di salvezza perché non era più in uno stato da "perdere" e assolto dal vescovo che lo aveva scomunicato, ma che era già dannato all'inferno. Se non assolutamente essenziale, la soppressione del divieto era, se possibile, interessata dalla stessa persona che lo aveva pronunciato, e ciò prevede che una persona scomunicata ottenga l'assoluzione troppo facilmente. Naturalmente un superiore potrebbe annullare l'anatema pronunciato da uno dei suoi sudditi, un vescovo potrebbe sempre rimuovere una scomunica pronunciata da un semplice sacerdote, ma a determinate condizioni questo regolamento deve certamente rivelarsi eccessivamente imbarazzante. Vi è, per esempio, l'istanza ben nota raccontata da Christophorus Angelus nel suo Ἐγχειρίδιον περὶ τῆσ καταστάσεως τῶν σήμερον εὐρισκομννων Ἑλλννων, che riferisce che il suo corpo fu riconosciuto come un vescovo, che fu riconosciuto come suo vescovo ferro, per lo spazio di cento anni, "dopo che un secondo consiglio di vescovi nello stesso luogo pronunciò l'assoluzione, e immediatamente mentre pronunciarono le parole il corpo" si sbriciolò in polvere ".
Il nomocanon de excommunicatis prosegue affermando che quelli che si trovano scomunicati, cioè con i loro corpi interi e "non sciolti" (ἄλυτα), richiedono l'assoluzione, affinché anche il corpo possa ottenere la libertà dal
p. 92
legame (δέσμον) di scomunica. Anche se il corpo viene trovato legato (δεδέμενον) nella terra, così l'anima è legata (δεδεμίνη) e tormentata da Satana. E ovunque il corpo riceva l'assoluzione ed è sciolto (λυθῇ), dalla scomunica, per il potere di Dio, anche l'anima è liberata dalla schiavitù del Diavolo, e riceve la vita eterna, la luce che non ha sera e la gioia ineffabile."
Leone Allacci considerava questo dogma ortodosso dei risultati fisici della scomunica e di una successiva assoluzione al di là di qualsiasi questione di disputa, e menziona diversi casi, che egli afferma essere ben noti e dimostrati, che dimostrano la verità di questa convinzione. Atanasio, metropolita di Imbros, riportò che su richiesta dei cittadini di Taso leggeva una solenne assoluzione su diversi corpi e, prima ancora che le sante parole fossero finite, tutto si era dissolto in polvere. Molto simile fu l'esempio di un turco convertito che fu successivamente scomunicato a Napoli e che era morto alcuni anni prima di ottenere l'assoluzione da due patriarchi e il suo corpo si dissolse, così da riposare.
Un esempio ancora più notevole è quello di un sacerdote che aveva pronunciato una sentenza di scomunica e che in seguito ha trasformato Maometto. Ciò non influì sulla vittima della sua maledizione, che sebbene fosse morto nella fede cristiana, rimase tuttavia "legato". Questa circostanza che causò il più grande allarme fu riferita al metropolita Raffaello e, su sua seria richiesta, al Maometto, sebbene dopo molti ritardi ed esitazioni consentì di leggere l'assoluzione sul corpo del defunto cristiano. Mentre pronunciava le ultime parole, il corpo cadde completamente in polvere, Il Mohammedan tornò alla sua precedente fede e fu messo a morte per farlo.
Non so se questa sia la stessa tradizione registrata da Abbott nella sua tradizione popolare macedone, p. 211, ma capisco che gli esempi non sono identici, sebbene presentino vari punti di somiglianza. Cito a lungo il resoconto più sorprendente del signor Abbott. "Quanto è grande il terrore dell'ira di un ecclesiastico può essere realizzato dal seguente aneddoto relativo allo scrittore come una" storia vera "da una persona che non ha avuto dubbi sulla sua autenticità." Molti anni fa c'era un arcivescovo di Salonica che una volta in un momento di rabbia maledisse un uomo della sua diocesi: "Possa la terra rifiutarsi di farlo
p. 93
ricevere te. "(ἡ γῆσ νὰ μή σε δεχτῇ). Passarono gli anni e l'arcivescovo abbracciò l'Islam. A causa della sua erudizione e abilità generale, fu portato dai Maomettani all'ufficio del capo Mullah. Nel frattempo, l'individuo che aveva subito l'ira del prelato morì e fu seppellito nel solito modo. Ora avvenne che quando, alla scadenza di tre anni, fu aperta la tomba, il detenuto fu trovato intatto, proprio come se fosse stato sepolto il giorno prima Né le preghiere né le offerte servivano a provocare la dissoluzione desiderata, fu nuovamente inumato, ma tre anni dopo fu ancora trovato nelle stesse condizioni, e venne poi ricordato dalla vedova che il suo defunto marito era stato anatemizzato dal arcivescovo apostata, si recò immediatamente dall'ex prelato e lo supplicò di revocare la sentenza. Questo dignitario aveva promesso di esercitare la sua influenza, che a quanto pare non era stata ridotta di briciola dalla sua apostasia; per una volta un vescovo era sempre un vescovo. ottenne il permesso del Pasha, si riparò sulla tomba aperta, si inginocchiò accanto ad essa, alzò le mani e pregò per qualche minuto. Si era appena alzato in piedi quando, meraviglioso da raccontare, la carne del cadavere si sbriciolò via dalle ossa e lo scheletro rimase nudo e pulito come se non avesse mai conosciuto l'inquinamento. ""
Non sarà impertinente qui dare c. xiii, del potere della scomunica, e in quali occasioni frivole viene utilizzata, da The Present Stale of the Greek and Armenian Churches, 8vo, 1679 di Ricaut.
"Il Terzo Comando della Chiesa è l'Obbedienza verso i loro Pastori e Insegnanti spirituali, 1 Cor. Iv, 1, Lascia che un uomo tenga conto di noi come dei Ministri di Cristo, e degli Amministratori dei Misteri di Dio: che è un testo che essi spesso si ripetono nelle loro Chiese ... e aumentano le conseguenze della sublimità del loro Ufficio e della riverenza e dell'onore dovuto dalle persone verso il loro Clero; in modo che sebbene desiderino i vantaggi di Ricchezze e Ornamento per renderli rispettati nel gli occhi del volgare; eppure il loro popolo è influenzato dalle loro qualifiche divine e separate, non si sottomettono solo a questioni spirituali, ma anche nei Temporali si riferiscono alla determinazione del loro Vescovo, o Metropolite, secondo quella di S. Paolo, 1 Cor. Vi.1, Osa qualcuno che abbia una questione contro un altro, vai alla Legge prima degli ingiusti e non davanti ai Santi? Ma ciò che più impone questo
p. 94
Dovere di obbedienza, è un senso del Potere della Scomunica, che riposa nella Chiesa, di cui in genere hanno paura, e la coscienza più disperata e ostinata in altre questioni sorprende in questa frase, alla quale, sebbene ne sia soggetta, non solo viene espulso dai limiti della Chiesa, ma la sua conversazione è scandalosa e la sua persona nega i comuni benefici della Carità e dell'assistenza, ai quali il dovere cristiano o umano ci obbliga.
"Nell'esercizio di questa censura della scomunica, la Chiesa greca è così pronta e frequente, che il suo uso comune potrebbe renderla più spregevole; ma che la sentenza è pronunciata con così tanto orrore e gli stessi effetti che ne sono seguiti non solo i vivi, ma anche i corpi e le carcasse di coloro che hanno tinto sotto la scomunica, sono collegati a quelle prove e certezze che confermano ancora nel popolo l'efficacia di quell'autorità che la Chiesa esercita in essa. la forma di Scomunica è espressiva della parte con il suo nome e la sua condizione, escludendolo dall'uso delle Ordinanze Divine, o altrimenti indefinito di qualsiasi persona che sia colpevole di tale o tale Crimine o Delitto. Come per esempio, se una persona è colpevole di Furto, che non viene scoperto, viene emessa una Scomunica contro di lui, chiunque egli sia, che abbia commesso il Furto, che non deve essere rimesso fino a quando non viene fatta la Restituzione; e quindi la colpa viene pubblicato e ripetuto in una Congregazione completa, quindi segue la Frase di scomunica in questo modulo.
"Se non gli restituiscono ciò che è suo, e lo posseggono pacificamente, ma lo subiscono per rimanere ferito e dannato; lascialo separato dal Signore Dio Creatour, sia maledetto, scagionato, e irrisolvibile dopo la morte in questo mondo, e nell'altro che verrà. Lascia che il legno, le pietre e il ferro si dissolvano ma non loro: possano ereditare la lebbra di Gehazi e la confusione di Giuda; possa la terra essere divisa e divorarla come Dathan e Abiram; che possano combattere e tremare sulla terra come Caino, e l'ira di Dio sia sulla loro testa e sui loro volti; che non vedano nulla di ciò per cui lavorano, e elemosinino il loro Pane per tutti i giorni della loro vita; che le loro Opere Possessioni, fatiche, servizi sono maledetti; sempre senza effetto o successo e spazzati via come polvere; possano avere le maledizioni del santo
p. 95
e giusti patriarchi Abramo, Isacco e Giacobbe; dei 318 santi che erano i Divini Padri del Sinodo di Nizza e di tutti gli altri santi sinodi; ed essendo senza la Chiesa di Cristo, non permettere ad alcun uomo di amministrare loro le cose della Chiesa, o benedirle, o offrire il sacrificio per loro, o dare loro il Ἀντίδωρον o il Pane benedetto, o mangiare, o bere o lavorare con loro o conversare con loro; e dopo la morte, che nessuno li seppellisca, a pena di essere sotto lo stesso stato di scomunica, perché così rimangano finché non avranno eseguito ciò che è scritto qui.
"L'effetto di questa terribile Frase è riportato dai sacerdoti greci in diversi casi così evidenti, che nessuno dubita o non crede alle conseguenze di tutte quelle maledizioni che vi si ripetono; e in particolare, che il corpo di una persona scomunicata non è in grado di tornando ai suoi primi Principi fino a quando non verrà tolta la Frase di Scomunica. Non si stimerebbe nessuna Maledizione tra noi perché i nostri Corpi rimangano integri e integri nella Tomba, che si sforzano di Arte, Spezie Aromatiche e Gengive, per preservarli da Corruzione: ed è anche considerato, tra gli stessi Greci, come un miracolo e una grazia e un favore particolari di Dio per gli Organi di coloro che hanno Canonizzato affinché i santi continuassero a non essere consumati, e nell'umido umido di un Vault, per asciugare e disseccati come le mummie in Egitto o nelle sabbie calde dell'Arabia, ma credono che i corpi degli scomunicati siano posseduti nella tomba da qualche spirito malvagio, che attiva e preserva s loro dalla Corruzione, nello stesso modo in cui l'Anima informa e anima il corpo vivente; e che si nutrono di notte, camminano, digeriscono e si nutrono, e sono stati trovati rubicondi in Carnagione, e le loro vene, dopo quaranta giorni di sepoltura, si estesero con il Sangue, che, essendo stato aperto con una Lancetta, hanno ceduto abbondante, fresco e veloce, come quello che emette dai Vasi di persone giovani e sanguigne. Questo è così generalmente creduto e sconsigliato tra i Greci, che c'è uno scarso dei loro Villaggi di campagna, ma ciò che può testimoniare e raccontare diversi casi di questa natura, sia dal rapporto dei loro Genitori, sia delle Infermiere, nonché del loro Conoscenza propria, che raccontano con tanta varietà come facciamo i Racconti di streghe e incantesimi, di cui si osserva in Conversazione, che una storia scarsa finisce prima che un'altra inizi come meraviglia. Ma per far passare il
p. 96
Rapporti comuni e vari sul volgare, questo potrebbe essere sufficiente per tutti, che mi è stato raccontato con molte asseverazioni della sua verità, da un grave Candiot Kaloir, chiamato Sofroino, un predicatore, e una persona che non ha alcuna reputazione e apprende a Smirne .
"" Conoscevo "(diceva)" una certa persona, che per alcuni reati commessi nella Morea, fuggì sull'Isola di Milo, dove sebbene evitasse la mano della giustizia, ma non poteva evitare la sentenza di scomunica, dalla quale non poteva più volare, se non dalla convinzione della sua stessa coscienza, o dalla colpa che lo aveva sempre assistito; poiché l'ora fatale della sua morte veniva e la Frase della Chiesa non veniva revocata, il Corpo era distrattamente e senza solennità sepolto in un luogo in pensione e non restaurato. Nel frattempo i Rapporti del defunto erano molto afflitti e ansiosi per la triste proprietà del loro amico morto, mentre i Paisanti e gli Isolani erano ogni notte spaventati e disturbati da apparizioni strane e insolite, che essi conclusero immediatamente sorsero dalla Tomba del Malcomitato Malcomitato, che, secondo la loro usanza, si aprirono immediatamente, e lì trovarono il Corpo incorrotto, rubicondo, e le Vene piene di Sangue: La Bara era arredata con l'uva, le mele e le noci, e con i frutti che la stagione ha offerto: al termine della consultazione, i Kaloires hanno deciso di ricorrere al rimedio comune in quei casi, che è stato quello di tagliare e smembrare il corpo in più parti, e di bollilo nel Vino, poiché i mezzi approvati per spostare lo Spirito malvagio, e disporre il corpo a una dissoluzione: Ma gli amici del defunto, essendo disposti e desiderosi che il Corpo riposi in pace, e un po 'di tranquillità dato all'Anima defunta , ottenne una risposta dal clero e spera che per una somma di denaro (essendo persone di una tenuta competente) si potesse acquistare una Liberazione dalla Scomunica sotto la mano del Patriarca: in questo modo il Corpo rimase per un po ' liberati dalla dissezione e le lettere inviate a Costantinopoli, in questa direzione, che nel caso in cui il Patriarca dovesse condannare a decollare la Scomunica, che il giorno, l'ora e il minuto in cui ha firmato la Remissione siano inseriti nella Data. E ora il Corpo è stato portato nella Chiesa (la gente di campagna non volendo dovrebbe farlo)
p. 97
restano sul campo) e preghiere e messe quotidianamente reclamavano per la sua dissoluzione, e il perdono dell'Offensore: quando un giorno dopo molte preghiere, suppliche e offerte (come questo Sofronio mi attestava con molte proteste) e mentre lui stesso stava svolgendo il servizio divino all'improvviso si udì un rombo nella bara del defunto, con paura e stupore di tutte le persone allora presenti; che quando ebbero aperto, trovarono il Corpo consumato e dissolto nei suoi primi Principi della Terra, come se fosse stato sepolto per sette anni. L'ora e il minuto di questa dissoluzione furono immediatamente annotati e osservati con precisione, confrontati con la data di rilascio dei Patriarchi, quando fu firmato a Costantinopoli, fu trovato esattamente in accordo con quel momento in cui il Corpo tornò alle sue Ceneri. ' Questa storia non avrei dovuto giudicare degna di essere raccontata, ma l'ho ascoltata dalla bocca di una persona grave, che dice: "Che i suoi stessi occhi ne erano Testimoni; e nonostante ciò lo stimo una cosa non abbastanza sicura per essere creduta da me, ma lascia che serva per evidenziare la stima che godono della validità e della forza della Scomunica. Una volta ho avuto la curiosità di essere presente all'apertura di una Tomba di uno morto di recente, che, come riferito dalla gente del Villaggio, camminava nella notte e li terrorizzava con strani Fantasmi; ma non fu mia fortuna vedere il Corpo in quella natura, né trovare le Disposizioni con cui lo spirito lo nutre, ma solo uno Spettacolo come al solito dopo sei o sette giorni di Sepoltura nella Tomba; tuttavia, sia i turchi che i cristiani parlano di queste questioni con molta fiducia ".
"Questa elevata stima ed efficacia viene posta sulla Scomunica, si potrebbe credere che i Sacerdoti dovrebbero sforzarsi di conservare la riverenza della stessa, essendo la Base e il supporto principale della loro Autorità; e che quindi non dovrebbero usarli così facilmente in ogni occasione frivola , che una tale familiarità potrebbe non renderla spregevole e la salvezza delle Anime degli uomini non sembra essere giocata con ogni affare lieve e insignificante: ma è così tanto da lamentarsi della povertà in questa Chiesa, che non sono solo costretti a vendere Scommissioni , ma proprio i Sacramenti; e di esporre gli Uffici di Religione più riverenti e misteriosi alla vendita per il mantenimento e il sostegno del Sacerdozio.
p. 98
"Il decollo delle scomunica dopo la morte è stato normale, ma la scomunica dopo la morte può sembrare uno strano tipo di severità; per questo leggiamo che Teodosio, vescovo di Alessandria, scomunicò Origene duecento anni dopo il suo decesso.
"Dalla stessa Autorità della scomunica dipende il potere di riammissione nella Chiesa, che secondo il canone greco non può essere ottenuto facilmente, o ad ogni fredda richiesta del penitente, ma dopo la prova del processo prima fatta di un conversione seria e seria, dimostrata dalle azioni costanti e ripetute di una vita santa, e dalla paziente e obbediente esecuzione della Penitenza imposta e ingiunta dalla Chiesa, come quelle che si sono apostatate dalla Fede, diventando turche, di età inferiore ai 14 anni , dopo il loro pentimento e il desiderio di ritorno alla Chiesa, cercati seriamente con le lacrime, significati e attestati da quaranta giorni di digiuno con pane e acqua, accompagnati da preghiera e giorno e notte continui, vengono successivamente ricevuti solennemente nella Chiesa alla presenza della Congregazione , il Sacerdote che fa una croce sulla fronte del penitente con l'Oyl of Chrism, o il μύρον Χρίσματος di solito amministrato a coloro che ritornano dalle vie dell'oscurità e dei mortali ins.
"Ma di quelli che negli anni più maturi si allontanano dalla Fede (come fanno molti Greci per il bene delle Donne o per sfuggire alla punizione) la loro riammissione o accoglienza di nuovo nella Chiesa è più difficile; per alcuni di loro c'è ingiunse una penitenza di sei o sette anni umiliandosi con straordinari digiuni e continua preghiera; durante questo tempo rimangono nella natura di Catecumeni, senza l'uso o il conforto dell'Eucaristia, o Assoluzione, se non nell'ora della morte; in cui la Chiesa è così rigorosa, che il Patriarca stesso non è in grado di rilasciare una Penitenza di questa natura, imposta solo da un semplice Sacerdote; e per ricevere Penitenti di questa natura c'è una Forma o un Ufficio prestabilito nella Liturgia greca.
"Ma ora abbiamo pochi esempi di quegli apostati che ritornano dal Mohametan alla fede cristiana; perché nessuno osa possedere una tale conversione se non colui che osa tingere per essa; in modo che quella pratica e parte ammirevole della disciplina sia diventata obsoleta e in disuso Eppure alcuni sono stati, anche ai miei tempi, sia delle chiese greche che armene, che hanno offerto più esempi eroici di pentimento, di quanti
p. 99
coloro che si sono provati dalle Regole e dai Canoni prescritti; poiché dopo hanno negato la Fede, e per alcuni anni hanno portato in testa il Distintivo o la Distinzione di un Mohametan, sentendo alcuni rimorsi di Coscienza, sono migliorati così tanto dalle scintille di qualche piccola grazia rimasta, che nulla poteva placare o placare l'attuale tormento delle loro menti, ma un ritorno a quella Fede da cui erano caduti. In questo modo, avendo comunicato la loro angoscia e i loro desideri a qualche vescovo o persona grave del clero, e significando con tutto il loro coraggio e zelo di morire per quella fede, che hanno negato; sono stati esortati, come espiazione più pronta del loro peccato, a confessare Cristo nel luogo in cui lo hanno rinunciato; e questo si sono comportati risolutamente lasciando fuori i loro Tulbant e presentandosi coraggiosamente nelle assemblee pubbliche e al tempo delle preghiere pubbliche nella Chiesa; e quando i turchi li hanno sfidati per essersi ribellati o ricaduti di nuovo da loro, hanno posseduto la loro conversione e hanno dichiarato coraggiosamente la loro risoluzione di tingere in quella vecchia fede in cui erano battezzati; e, come token o dimostrazione di ciò, portati davanti al giudice della città o della provincia, non solo con le parole possedevano la dottrina cristiana, ma calpestavano anche i loro tulbant o telai turchi sotto i loro piedi e resistevano tre volte alla richiesta, se debbano continuare a essere mohametani, come richiesto dalla legge mohametana: per cui, essendo condannati a tingere, hanno subito la morte con la stessa allegria e il coraggio che leggiamo dei martiri primitivi, che quotidianamente si sono sacrificati per la verità cristiana.
"Considerando che, con un certo stupore, ho visto in che modo alcuni poveri inglesi, che hanno negato con affetto e vile la fede di Cristo a Barbary e le parti di Turky, e diventano, come li chiamiamo Renegados, in seguito ( stancandosi delle usanze dei turchi a cui erano estranei) trovò il modo di scappare, e tornò di nuovo in Inghilterra, e lì entrò nelle Chiese e frequentò l'Assemblea del popolo di Dio, con audacia come se fossero stati i più costanti e fedeli del Ovile: a quale fiducia degli uomini ignoranti e analfabeti non ammiro tanto, come faccio per negligenza del nostro
p. 100
I ministri, che non conoscono i Vescovi con la presente, di prendere qui il loro Consiglio e Ordine: Ma forse non hanno imparato, o finora hanno dimenticato la nostra antica Disciplina, e tutte le altre Chiese cristiane, per consentire agli uomini, dopo un così abominevole Lapse e Apostasie, con coraggio a intromettersi nel Santuario di Dio con le stesse mani non ridotte e le bocche blasfeme, con cui negavano il loro Salvatore e il loro Paese. Ma cosa possiamo dire qui? Ahimè! Molti sono dissidenti della nostra Chiesa; che dalle nostre divisioni in Religione, ha perso molto o il suo Potere, Disciplina e stima tra noi; e gli uomini, essendo cresciuti careles e freddi nella religione, sognano poco o considerano tali metodi di pentimento; poiché mentre gli uomini condannano l'Autorità e le censure della Chiesa e rinnegano il potere delle Chiavi, sembrano privarsi dei mezzi ordinari di salvezza, a meno che Dio, con una luce e uno sfratto straordinari fornisca ciò in un modo sublime, che fu anceintly effettuato da una rigorosa osservazione delle Leggi e dei Canoni della Chiesa.
"È uno strano vulgar errour che sosteniamo in Inghilterra, che la chiesa greca scomunicasse annualmente il romano, il che non è affatto così; e la ragione comune ci dirà, che una chiesa non può scomunicare un altro, o nessun suo particolare membro, su cui non pretende alcuna giurisdizione o autorità; e che la Chiesa greca non ha tale pretesa di dominio o superiorità sui romani, non più di quanto possieda una soggezione ad esso, è chiaramente dimostrata nel terzo capitolo di questo libro: e questo lo attesto sii così, su indagine fatta sulla verità di ciò, e sulla testimonianza dei sacerdoti greci eminenti e conoscenti nei Canoni e nelle Costituzioni della loro Chiesa: anche se non possiamo negare, ma che un patriarca anticamente poteva rinunciare alla Comunione di un altro, sul quale non aveva Giurisdizione, per la sua famigerata Heresie; come fece S. Cirillo a Nestorio prima dell'Assemblea del Concilio di Efeso. "
È stato detto che la scomunica può essere sostenuta solo da persone viventi, ma in questo la credenza e la pratica della Chiesa ortodossa differiscono dalla Chiesa cattolica, poiché, come è già stato osservato, Teodosio di Alessandria che morì nel 567 scomunicò Origene che morì nel 253 o 254. Inoltre, il fatto che Teodosio fu deposto per
p. 101
l'eresia di papa S. Agapito I all'arrivo di quel pontefice a Costantinopoli, nel 536, secondo l'idea greca non avrebbe invalidato questa scomunica. Per quanto riguarda le persone viventi, coloro che non sono mai stati battezzati non sono membri della Società Cristiana, e quindi ovviamente non possono essere privati ​​dei diritti che non hanno mai goduto; mentre anche se i battezzati cessano, alla morte, di appartenere alla Chiesa militante, i morti non possono essere scomunicati. Questo non vuol dire che tecnicamente, dopo la scomparsa di alcuni membri della comunità cristiana, si possa dichiarare che una persona del genere ha subito una scomunica mentre era sulla terra. Nello stesso senso stretto può essere rilasciato dalla scomunica dopo la sua morte, e il Rituale Romanum contiene il seguente diritto di assolvere una persona scomunicata già morta.
"RITUS ABSOLUENDI EXCOMMUNICATUM IAM MORTUUM. Se ciò accadesse, qualsiasi persona scomunicata che è partita da questa vita ha dato evidenti segni di contrizione, in modo da non essere privata della sepoltura ecclesiastica in terra consacrata, ma piuttosto che sarà ostacolato dalle preghiere della Chiesa, per quanto si possa fare, sia assolto in questo modo.
"Se il corpo non è ancora sepolto, lascia che sia leggermente battuto con una verga o piccole corde dopo di che sarà assolto come segue; e poi essere assolto, lascia che sia sepolto in terra consacrata.
Ma se è già stato seppellito in un terreno non consacrato, se può essere convenientemente fatto, sia riesumato il corpo, e dopo che è stato leggermente picchiato in modo simile e quindi assolto, sia sepolto in un terreno consacrato; ma se il corpo non può essere convenientemente sinterizzato, allora la tomba deve essere battuta leggermente e l'assoluzione deve essere pronunciata.
"E se il corpo è già sepolto nel terreno consacrato, non deve essere sinterizzato, ma la tomba deve essere leggermente percossa.
"Lascia che il Sacerdote dica l'Antifone: le ossa che sono state umiliate si rallegreranno nel Signore; insieme al salmo Miserere.
"E quando avranno posto fine al salmo, il corpo sia assolto e il Sacerdote dirà: Con l'autorità concessa a me ti assolvo dal vincolo della scomunica che hai sostenuto (o che hai detto a avere
p. 102
sostenuto) a causa di tale e tale cosa, e ti ripristino alla comunione dei fedeli, nel, nel nome del Padre, + e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.
"Allora si dirà il salmo, De profundis, e alla fine di esso:
V. Riposa l'eterna concessione a lui, o Signore.
R. E lascia che la luce perpetua risplenda su di lui.
Kyrie eleison. Christe eleison. Kyrie eleison. Padre nostro
V. E non ci indurre in tentazione.
R. Ma liberaci dal male.
V. Dalla porta dell'inferno.
R. O Signore, libera la sua anima.
V. Riposi in pace.
R. Amen.
V. O Signore, ascolta la mia preghiera.
R. E lascia che il mio grido venga a Te.
V. Il Signore sia con te.
R. E con il tuo spirito.
Preghiamo.
Preghiera. Concedi, Ti supplichiamo, o Signore, all'anima del tuo servitore, che è stato tenuto nel vincolo della scomunica, un luogo di ristoro, riposo e riposo, e la luminosità della Tua luce eterna. Per Cristo nostro Signore. R. Amen. "
È ora necessario indagare su alcuni casi straordinari che sono registrati e che sono veri al di là di ogni dubbio sulle persone che sono morte scomunicate e i cui corpi sono stati visti sorgere dalla tomba e lasciare i recinti sacri dove sono stati sepolti. In primo luogo abbiamo il famoso racconto dato da S. Gregorio Magno delle due suore morte, generalmente chiamato "Suore Morte". Due signore di un'illustre famiglia erano state ammesse alla sorellanza di S. Scolastica. Sebbene per molti aspetti esemplari e fedeli ai loro voti, non potevano astenersi dallo scandalo, dai pettegolezzi e dalle chiacchiere vane. Ora S. Benedetto è stato il primo a stabilire le leggi più rigorose e definite sull'osservanza del silenzio. In tutti i monasteri e conventi, o in ogni ordine, ci sono luoghi particolari, chiamati "Luoghi regolari" (Chiesa, refettorio, dormitorio, ecc.) E tempi speciali, soprattutto le ore notturne, definiti "Grande silenzio", in cui parlare è proibito incondizionatamente. Al di fuori di questi luoghi e orari di solito ci sono
p. 103
concesse "ricreazioni" durante le quali la conversazione non è solo permessa ma incoraggiata, sebbene debba essere governata da regole di carità e moderazione. Il chiacchiericcio inutile e ozioso è universalmente vietato in ogni momento e in ogni luogo. Di conseguenza, quando fu riferito a S. Benedetto che le due suore erano state date in gran numero per frenare indiscriminatamente, il santo abate era dolorosamente dispiaciuto e mandò loro il messaggio secondo cui se non avessero imparato a trattenersi la lingua e a dare una risposta migliore esempio per la comunità deve scomunicarli. Inizialmente le suore erano allarmate e penitenti e promettevano di modificare i loro modi inattivi; ma l'abitudine infida era troppo forte per la loro buona risoluzione; continuarono a offendersi con le loro chiacchiere birichine, e nel mezzo della loro follia morirono improvvisamente. Essendo di una grande e antica casa furono sepolti nella chiesa vicino all'altare maggiore; e in seguito in un determinato giorno, mentre veniva cantata una solenne Alta Messa, prima che iniziasse la Liturgia dei fedeli, e i catecumeni furono licenziati dal diacono gridando: "Lasciate che coloro a cui è proibito partecipare, lasciano coloro che sono scomunicati, partono da qui e lasciaci! " Ecco, alla vista di tutto il popolo, le due suore si alzarono dalle loro tombe, e con i volti chinati e distesi, scivolarono tristemente fuori dalla Chiesa. E così accadeva ogni volta che venivano celebrati i Santi Misteri, fino a quando la loro vecchia nutrice non intercettò con San Benedetto, e lui ebbe pietà di loro e si assolse. loro da tutti i loro peccati in modo che possano riposare in pace.
S. Agostino ci dice che i nomi dei martiri sui dittici venivano recitati, ma non per pregare per loro, mentre i nomi delle suore, che erano recentemente deceduti, venivano recitati per offrire preghiere per loro. Perhibet praeclarissimum testimonium Ecclesiastica auctoritas, in qua fidelibus notum at, quo loco Martyres, e quo defunctae Sanctimoniales ad Altaris Sacramenta recitantur. È stato suggerito che a questo punto le due suore potrebbero essersi ritirate dalla chiesa, ma S. Gregorio afferma espressamente che era nel momento in cui il Diacono cantò a gran voce la lode rituale che offriva a coloro che non erano in pieno la comunione esce dal luogo santo.
S. Gregorio riferisce anche che un giovane monaco lasciò il monastero senza permesso e senza ricevere alcuna benedizione
p. 104
o licenziamento dall'abate. Purtroppo è morto prima che potesse riconciliarsi e fu debitamente sepolto in terra consacrata. La mattina dopo fu scoperto che il suo cadavere giaceva rannicchiato e gettato dalla sua tomba, e le sue relazioni in preda al terrore si affrettarono a S. Benedetto, che diede loro un Ostia consacrata, e disse loro di metterlo con tutto il rispetto possibile sul petto di il giovane religioso. Ciò fu fatto e la tomba non fu più trovata per aver gettato il corpo.
Questa usanza di mettere una particella eucaristica nella tomba con una persona morta può sembrare a molti molto straordinaria, ma non era affatto sconosciuta nei secoli passati. nell'Uita Basilii, la vita di S. Basilio il Grande, che spesso veniva attribuita ad Anfilochio di Iconium, ma che oggi è riconosciuta come falsa e di circa il IX secolo, ci viene detto che S. Basilio riservò una parte di un consacrato Particella, anche una terza parte, per poter essere seppellita con lui. Diversi sinodi, sebbene assemblee di nessuna autorità suprema, avevano già condannato questa pratica, e altri in un secondo momento la proibirono come contraria alla fine del Santissimo Sacramento come istituita da Gesù Cristo.
Tuttavia, in vari luoghi persisteva l'usanza di mettere riverentemente le Particelle nelle tombe di persone che erano molto onorate per la loro santità, e quindi nella tomba di S. Othmar (Audomar), che morì il 16 novembre 759, sull'isola di Werd nel Reno, e il cui corpo fu trasferito dieci anni dopo nel monastero di S. Gall, sepolto solennemente nell'867 nella nuova chiesa di S. Othmar a S. Gall, furono scoperte alcune particelle il punto in cui riposava la testa.
In una vita di S. Cuthbert, vescovo di Lindisfarne, Patrono di Durham, che è ristampato dai Bollandisti, si dice che in una delle traduzioni del suo corpo siano state rinvenute nella bara alcune Particelle. Amalario di Metz, su autorità del Venerabile Bede, nel suo grande trattato De ecclesiasticis officiis afferma che queste Particelle furono messe sul petto del santo prima che fosse sepolto: "oblata super Sanctum pectus posita". Questa circostanza, tuttavia, non è menzionata da Bede, ma si verifica nell'Uita S. Cuthberti, scritta tra il 698 e il 705 da un monaco di Lindisfarne. Amalario ritiene che questa usanza sia stata senza dubbio derivata
p. 105
dalla chiesa romana, e da lì è stato comunicato in Inghilterra. Nicholas-Hugues Ménard, il famoso maurista, nella sua glosse sulla S. Gregorii I Papae Liber Sacramentorum, che stampò, Parigi, 1646, da un manoscritto Messale di S. Eligius, afferma che non era questa usanza che fu condannata da i vari Concili, ma un abuso che si era insinuato e che consisteva nel dare la comunione ai morti, e di mettere in realtà l'ostia sacra in bocca. Comunque sia, sappiamo che il cardinale Humbert, di Silva Candida, legato di S. Leone IX, a metà dell'XI secolo, nella sua risposta alle varie obiezioni e difficoltà sollevate da Michele Caerularius, Patriarca di Costantinopoli , autore del secondo e ultimo scisma della Chiesa bizantina, rimproverò i Greci con l'usanza di seppellire qualsiasi Particella che potesse rimanere dopo la Comunione del popolo alla Santa Messa.
Si dice che anche oggi in molti luoghi della Grecia sulle labbra dei morti sia stata posta una briciola di pane consacrato dall'Eucaristia. Per riverenza questo è stato spesso sostituito da un frammento di ceramica su cui è tagliato il segno della croce con la leggenda I.X.NI.KA. (Gesù Cristo vince) ai quattro angoli. Theodore Burt, Le Cicladi, ci informa che localmente a Naxos l'oggetto così impiegato è una croce di cera con le lettere I.X.N. impresso su di esso, e questo porta ancora il nome ναῦλον, tariffa, a dimostrazione del fatto che la tradizione è strettamente connessa con l'antica usanza di mettere la "moneta del traghettatore" nella bocca di un morto, la tassa per Caronte. Ora Charon, che ha assunto la forma di Charos, è del tutto familiare al moderno contadino greco, ma il suo non è semplicemente come la letteratura classica lo raffigura, Portitor Stygis, il barcaiolo di Styx, è la Morte stessa, il signore dei fantasmi e delle ombre. Fino agli ultimi anni, in ogni caso, la pratica prevalse in molte parti della Grecia di mettere in bocca (più raramente sul petto) di una persona deceduta una piccola moneta, e nel distretto di Smyrna questo era in realtà noto come "passaggio- denaro ", ma abbastanza stranamente sebbene sia l'usanza che il nome sopravvissero alla ragione della moneta era stata dimenticata, e per un secolo o più (salvo che potesse essere oscuramente in qualche punto molto remoto) non fu associato in alcun modo con Charos . Forse il significato originale della moneta è svanito nelle nebbie dei senza data
p. 106
antichità, e anche nei giorni classici il significato originale era perduto, quindi è stato poi spiegato che l'obol era la tassa di Caronte, mentre questa è solo un'interpretazione tardiva e errata di un'usanza il cui significato è andato più in profondità di quello, che era esistito prima la mitologia sapeva di un traghettatore dell'inferno.
L'anima doveva sfuggire alla bocca, che essendo un'uscita dal corpo è anche l'ingresso al corpo, e naturalmente è attraverso questo percorso che l'anima, se dovesse tornare al corpo, entra, o attraverso la quale uno spirito malvagio o un demone si farebbe strada nel corpo. La moneta, quindi, o il fascino sembra molto probabilmente essere stata una salvaguardia contro qualsiasi evento di questo tipo. Nei giorni cristiani la Santa Eucaristia o un frammento inscritto con nomi sacri sarà il miglior preventivo. Inoltre non di rado il pezzo di ceramica posto nella bocca dei morti ha graffiato su di esso il pentacolo della tradizione magica. È estremamente significativo che in Myconos questo segno sia spesso scolpito sulle porte di casa per preservare i detenuti del vampiro, Vrykolakas. Quindi in Grecia, in ogni caso, l'usanza di seppellire una Particella consacrata con un cadavere o di mettere una briciola dell'ostia tra le labbra del morto ha avuto origine come un incantesimo per contrastare la possibilità del vampirismo.
Va notato che un Ostia consacrata collocato nella tomba dove è sepolto un vampiro impedirà sicuramente al vampiro di uscire dalla sua tomba, ma per ovvie ragioni si tratta di un rimedio che non deve essere testato, dal momento che sa di bruttezza e profanazione del Corpo di Dio.
Nella storia ci sono molti altri esempi di persone scomunicate che non sono state in grado di riposare in terra consacrata. Nell'anno 1030, S. Godard, vescovo di Hildesheim nella Bassa Sassonia, fu obbligato a scomunicare alcune persone per i loro crimini e sporchi sacrilegi. Ciononostante, i baroni e i sovrani, i loro protettori, erano così potenti che seppellirono i corpi dei loro seguaci nella Cattedrale stessa, nel santuario stesso. Su questo il vescovo ha lanciato il divieto di scomunica anche contro di loro; ma nondimeno, trascurando completamente le censure, si fecero strada nelle varie chiese. Al prossimo grande festival in verità, i nobili ribelli erano presenti con una folla di assistenti armati nella Cattedrale stessa. Le navate laterali erano
p. 107
pieno di adoratori, e lontano dal tetto a volta, l'Altare maggiore brillava di una miriade di conici il cui bagliore si rifletteva nello specchio di oro lucido e nel cuore di cristallo di grandi reliquiari. Il vescovo, i suoi canoni attorno a lui, pontificarono la messa. Ma dopo il Vangelo, S. Godard si voltò dall'altare e con toni di comando risonanti ordinò a tutti coloro che erano sotto qualsiasi censura o divieto di lasciare l'edificio sacro. I vivi sorrisero sprezzanti, si strinsero nelle spalle e non si mossero, ma si scorgevano in fondo ai corridoi scivolare in un silenzio tremendo figure oscure e oscure, dalle quali la folla si restringeva in preda al terrore senza parole. Sembravano passare attraverso le porte fuori dal luogo sacro. Quando il servizio fu compiuto, il vescovo assolse i morti, ed ecco, il treno spaventoso sembrò rientrare nelle loro tombe. In seguito i vivi furono così colpiti dalla paura che cercarono di riconciliarsi, e dopo la dovuta penitenza fu concessa loro l'assoluzione.
Su iniziativa dell'abate Odolric di Conques, il Concilio di Limoges del 1031 proclamò la "tregua di Dio", vale a dire una sospensione temporanea delle ostilità, e i padri minacciarono di scomunica generale quei signori feudali che non avrebbero giurato di mantenerla. Da ciò sorse una considerazione degli effetti della scomunica, e fu concordato da tutti che sebbene una condanna così severa non debba essere denunciata con leggerezza, una volta pronunciato il massimo rispetto deve essere pagato alle sue disposizioni. Per illustrare ciò, il vescovo di Cahors ha riferito di un recente evento noto a tutta la sua diocesi e che potrebbe essere dimostrato da numerosi testimoni indipendenti. Per la sua incessante rapina e omicidi senza pentimento, i suoi esempi malvagi di una vita lasciva e licenziosa, le sue bestemmie e l'infedeltà, un certo nobile il cui castello era duro per la città era stato scomunicato, e non molto tempo dopo era caduto in qualche incursione di mezzanotte. Gli amici del defunto non dubitarono mai che il vescovo avrebbe dato l'assoluzione, e fecero grande esempio che avrebbe dovuto farlo, affinché il morto potesse essere sepolto con solenne lignaggio e requiem, con meed di trentali in seguito cantati, nella volta dei suoi antenati, che era uno dei monumenti più suggestivi della chiesa di San Pietro. Tuttavia, l'intero territorio era stato per così tanto tempo tormentato dal saccheggio della violenza che il vescovo considerò che fosse necessario fare un esempio per dare una lezione al resto dei nobili saccheggiatori,
p. 108
e si rifiutò di alzare il divieto o di permettere le cerimonie consumate al funerale. Tuttavia, sfidando i suoi ordini, una banda armata di soldati entrò nella città e seppellì il cadavere nella tomba, chiudendolo con cura e mortarizzandolo dietro di loro. Tuttavia, la mattina seguente il corpo fu scoperto nudo, ammaccato e sbattuto nella piazza del mercato come se fosse stato gettato violentemente fuori dalla chiesa, sebbene non vi fosse alcun segno o segno che la tomba fosse stata in qualche modo manomessa o toccata . I soldati, che avevano seppellito il loro capo, dopo aver aperto il monumento trovarono solo le cerimonie in cui il cadavere era stato precedentemente ferito, e quindi lo seppellirono lì una seconda volta, mettendo sigilli e sbarre sulla porta della chiesa in quanto era impossibile per chiunque entri. La mattina seguente, tuttavia, fu scoperto che il corpo era stato gettato via ancora più contumosamente di prima. Tuttavia lo hanno sepolto una terza volta, ma con lo stesso risultato. Ciò è stato ripetuto non meno di cinque volte in tutto, e alla fine hanno rannicchiato la povera carogna in decomposizione nel miglior modo possibile in un buco profondo scavato in un punto solitario lontano dal terreno consacrato. Queste terribili circostanze hanno riempito il cuore di tutti di tale stupore che i baroni vicini, tutti umilmente, si sono rivolti umilmente al vescovo e, sotto la maggior parte delle solenni promesse, hanno reso un trattato vincolante per rispettare tutti i privilegi della chiesa e modificare la loro vita in ogni particolare.
Un episodio davvero notevole è legato alla menzione greca, vale a dire la raccolta dei dodici libri, uno per ogni mese, che contengono gli uffici per feste immobili di rito bizantino e che in qualche modo corrispondono al Propiuum sanctorum nel Breviario romano. La leggenda, è vero, offre alcune difficoltà che verranno prese in considerazione in seguito, ma vale sicuramente la pena ripeterle in quanto mostrano le visioni estreme e davvero esagerate che i Greci attribuiscono alla scomunica. Un certo cenobita del deserto vicino ad Alessandria era stato scomunicato dall'archimandrita per un atto di disobbedienza, dopo di che abbandonò il suo monastero, lasciò il deserto e venne in città. Ma non appena arrivò qui, fu arrestato dagli ordini del governatore, privato della sua abitudine e ordinato di offrire agli idoli il sacrificio nel tempio. Il cenobite
p. 109
rifiutò, e dopo essere stato a lungo torturato invano, alla fine fu messo a morte, la sua testa fu colpita e il tronco buttato fuori oltre le mura della città per essere divorato dalle bestie selvagge. Ma i cristiani lo presero durante la notte e dopo averlo imbalsamato con ricche spezie e avvolto in un bell'aspetto, lo seppellirono onorevolmente in un posto di rilievo nella Chiesa, poiché lo consideravano e con giustizia come un martire. Ma la domenica successiva, quando il Diacono aveva cantato la formula rituale, ordinando ai Catecumeni e a coloro che non dovevano essere presenti di ritirarsi, tutti rimasero stupiti quando la tomba si aprì improvvisamente e il corpo del Martire scivolò da lì e fu visto indugiare in il nartece della chiesa. Quando la Messa fu terminata, il corpo sembrò tornare ancora una volta nella sua tomba.
L'intera comunità era piena di timore reverenziale e confusione, e una suora basiliana di grande pietà che aveva digiunato e pregato per lo spazio di tre giorni ricevette una rivelazione da un angelo che la informò che il cenobita era ancora scomunicato da quando aveva disobbedito al suo superiore, e che sarebbe rimasto sotto il bando fino a quando lo stesso superiore non gli avesse concesso l'assoluzione. Quindi una compagnia di persone onorevoli si recò al monastero e chiese all'archimandrita di pronunciare le parole. In tutta fretta il santo vecchio li accompagnò in chiesa. Qui aprirono la tomba del martire e fu pronunciata una piena assoluzione. Successivamente si è sdraiato nel suo posto designato.
Ci sono molti dettagli in questo account che sembrano molto sospetti. In primo luogo, nel periodo in cui il deserto era la località di villeggiatura dei cenobiti, i giorni della persecuzione, per quanto riguardava Alessandria, erano in ogni caso un ricordo del passato. Nella città prevalse la tolleranza completa, e in effetti se ci fossero state azioni penali, non il cristianesimo ma i riti pagani sarebbero stati soppressi e i templi pagani chiusi. Il cristianesimo in questo secolo fu onorato in tutto l'Egitto e Alessandria fu una delle roccaforti. In secondo luogo, i monaci del deserto non erano cenobiti, vale a dire membri di una determinata comunità religiosa con un superiore, ma erano piuttosto eremiti solitari, che non appartenevano a nessuna famiglia religiosa, ciascuno indipendente e che nessun eremita avrebbe ebbe il potere di scomunicare uno dei suoi compagni. In terzo luogo, no
p. 110
vengono forniti dettagli in merito ai motivi per cui questo monaco avrebbe dovuto subire una grande scomunica e questo, il più grave di tutte le censure, è l'unico divieto che esclude dalla partecipazione ai sacri Misteri. È vero, forse, che se un religioso ha infranto i voti, ha lasciato il suo monastero, ha abbandonato la sua abitudine e, ignorando i comandi della Chiesa, si è recato in una città popolosa dove ha continuato a vivere, come secolare, una vita che era lontana dall'attenzione, una persona del genere presumibilmente darebbe grande scandalo e con le sue azioni potrebbe davvero incorrere nella scomunica principale, ma non ci viene detto che nel caso dei cenobiti accadesse qualcosa di simile, non siamo informati di circostanze aggravanti, e inoltre bisogna tenere presente che nel periodo in cui si diceva che avvenissero questi eventi gli eremiti del deserto non erano, come lo sono oggi i religiosi, legati da voti di stabilità e di obbedienza ai loro Superiori, che non avevano il diritto pronunciare una sentenza di scomunica principale.
Si dovrebbe forse essere spiegato che fino a poco la scomunica è stata di due tipi, maggiori e minori. Sabetti spiega così conciso: "Per la scomunica è una censura, per mezzo del quale la persona è privata della comunione con la Chiesa, o, nella censura, con la quale un cristiano, i beni delle cose spirituali della tua Chiesa, la gente comune, e tale distribuzione appartiene alla pietà, o omninio o la parte della causa è priva di Si separa, quindi, è stato scomunicato dalla comunione o la comunione in modo visibile dei fedeli e. i beni che appartiene ad esso come è tale, cade.
C'è una distinzione nella maggior scomuniche, che è, che toglie tutti i beni della Chiesa, comune a tutti, e il più piccolo di essi, in quanto disabilita tutte le cose che solo una parte dei prodotti. L'anziano è chiamato ad essere un anatema in istituto a volte; e in quel momento particolare, quando viene inflitta a causa di eresia, o di setta di un sospetto, o adeguata al particolare avviso è dato di alcune delle più solenne di tutte le cerimonie .-- Inoltre, la presenza della maggioranza di coloro che sono la scomunica scomunicato, e gli altri si dice a carico bene, di loro i fedeli non sono vincolati ad evitarli; gli altri non tollerano o evitare che si dovrebbe evitare. "In breve questo è per dire che più piccolo scomunica è un divieto di ricevere i sacramenti, quello che noi chiamiamo in teologia l'uso passivo dei sacramenti. scomunica maggiore è quella che abbiamo già definito, e che ora rimane praticamente in vigore, mentre let tecnica non differisce sostanzialmente dalla scomunica ma è sottolineato con particolare
p. 111
cerimonie e la più solenne promulgazione di questa terribile sentenza.
In una vita di S. Agostino Apostolo d'Inghilterra, che è stata stampata dai Bollandisti, John Brompton racconta la seguente storia. S. Agostino si è da tempo sforzato di convincere un certo nobile di grande ricchezza a pagare le decime nominate, ma per ostinazione questi furono costantemente rifiutati, il che causò un grande danno e fece sì che gli altri diventassero scontenti e seguissero con impudenza un esempio così cattivo. In un certo grande giorno di festa, mentre l'Alta Messa veniva cantata solennemente, S. Agostino fu ispirato a pronunciare al popolo che tutti coloro che erano stati scomunicati dovevano lasciare l'edificio sacro. Con orrore e stupore degli assistenti fu aperta un'antica tomba, e lì emise il corpo essiccato ma incorrotto di un uomo che era stato sepolto un secolo e mezzo prima. Quando il servizio fu compiuto, Sant'Agostino in solenne processione andò alla tomba dove il morto era stato visto scivolare indietro mentre veniva cantato "ite missa est", e qui lo aggiustò solennemente, dicendogli perché era apparso. Il morto rispose che era scomunicato. Il Santo chiese dove fu sepolto il prete che aveva pronunciato la sentenza. Sembrava che la tomba fosse nella cattedrale a poca distanza. Andando là l'arcivescovo ordinò al sacerdote di dichiarare perché aveva scomunicato il morto. Una figura oscura e oscura fu sospesa tra i pilastri della navata e una voce bassa e lontana rispose: "L'ho scomunicato per i suoi misfatti, e in particolare perché ha derubato la chiesa di lei, rifiutando di pagare la decima". "Lascia che sia sufficiente, fratello", ha restituito il Santo, "e tu ora su nostra offerta e su nostra richiesta lo assolva e lo libera dalla censura". La figura oscura ripeté le parole allentate e svanì alla vista. Quindi tornarono alla tomba del morto, che disse in un lieve sussurro: "Ti ringrazio, o mio padre, per ora finalmente posso trovare riposo e riposo".
Alcune autorità hanno sollevato dubbi molto seri su questa storia, poiché sottolineano che in primo luogo, anche ai tempi di S. Agostino stesso, in Gran Bretagna non vi era alcun obbligo di pagare la decima, e sicuramente non erano richiesti a pena di scomunica. Questo è molto vero, ma non c'è
p. 112
motivo per cui la leggenda non dovrebbe essere corretta nei dettagli anche se molto notevolmente anticipata. È più che probabile che l'incidente sia avvenuto in un secolo molto più tardi, e che il cronista di Canterbury lo abbia attribuito, forse per errore geniale, perché il racconto era disceso con il passaparola, o forse con perdonabile inesattezza, ai giorni di Intorno a S. Agostino la cui figura grande e gloriosa aveva raggruppato così tante leggende reverende, così tante antiche tradizioni.
Melchior, abate della casa cistercense di Zwettl, nella sua opera De Statu Mortuorum riferisce che un giovane studioso della città di Saint-Pons, purtroppo incorso nella pena della scomunica, fu ucciso, e poco dopo apparve a uno dei suoi amici che implorava lui si affidò al vescovo di Rodi e da lui cercò l'assoluzione. L'amico non esitò a fare come gli era stato chiesto, e sebbene fosse metà inverno con la neve che giaceva in profondità sul terreno, poiché era una stagione di eccezionale gravità, iniziò subito il viaggio. Quando ebbe percorso un po 'di distanza, la strada si diramò e fu indeciso quale strada prendere. Con molta esitazione procedette verso sinistra, quando sentì (come pensava) tirarsi delicatamente il mantello, ma all'inizio non se ne accorse, ritenendolo solo il vento e la tempesta. Un attimo dopo che il suo mantello fu catturato di nuovo e non si poteva confondere il rimorchiatore. Si voltò e si ritrovò a guidare delicatamente nell'altra strada. Alla fine raggiunse la città e ottenne l'udienza del vescovo, che sentendo immediatamente la sua storia sollevò il divieto con un'assoluzione piena e plenaria. Il giovane scoprì che se avesse continuato il sentiero a sinistra avrebbe dovuto vagare lontano tra i cumuli di neve dove sarebbe inevitabilmente morto di freddo e di esposizione. Quella notte il suo amico gli apparve con un'espressione allegra e sorridente e ringraziandolo per i dolori che gli era stato assicurato che non avrebbe assolutamente perso la ricompensa.
Dom Augustin Calmet registra a lungo una lettera, datata 5 aprile 1745, che ricevette da un corrispondente che aveva letto con grande interesse il manoscritto di questo dotto Dissertation sur les apparitions des anges, des démons et des esprits. Lo scrittore dice: "Un uomo che vive a Létraye, un villaggio che non ha molte leghe dalla città di Remiremont (Vosgi), ha perso la moglie all'inizio dello scorso p. 113 febbraio, ma si è sposato di nuovo nella settimana prima della Quaresima. Alle undici di sera del giorno del suo matrimonio, la defunta moglie apparve e parlò con la nuova sposa, e il risultato fu che la sposa dichiarò di dover impegnarsi per conto della donna morta a compiere sette pellegrinaggi. quel giorno e sempre alla stessa ora in cui il fantasma è apparso ed è stato chiaramente sentito parlare dal parroco così come da un numero di altre persone. Il 15 marzo, proprio nel momento in cui la donna stava per procedere alla chiesa di S. Nicola alla quale doveva essere fatto il pellegrinaggio, all'improvviso il fantasma si fermò sul suo cammino e le ordinò di affrettarsi, aggiungendo che non doveva lasciarsi allarmare, o in alcun modo scoraggiata da alcun incidente o malattia che potrebbe succederle lungo la strada.
Di conseguenza la donna partì con suo marito, suo cognato e sua cognata, ed è molto certa che la moglie morta rimase al suo fianco fino a quando non venne effettivamente alla porta della chiesa di S. Nicolas . Quando queste brave persone arrivarono a una distanza di circa due leghe dal luogo, la chiesa di S. Nicolas, furono costrette a fermarsi in una locanda sul ciglio della strada che è noto come "The Shelter" (les Baraques). Qui all'improvviso la donna si ammalò così tanto che i due uomini furono costretti a portarla fino in chiesa, ma non appena arrivò alla porta, riuscì a camminare senza difficoltà e il suo dolore svanì in un attimo. "Questo straordinario avvenimento era legato a me e anche al Padre Sagrestano da tutti e quattro i pellegrini; e fu riferito che l'ultima cosa che la donna morta disse alla nuova sposa fu che quando metà dei pellegrinaggi fosse stata debitamente compiuta, avrebbe non si vede più. Il modo semplice e diretto in cui queste brave persone ci hanno raccontato la storia non consente di dubitare che stessero riferendo fatti reali. " Su questa relazione, Calmet commenta: "Non si dice che la giovane donna morta sia stata sottoposta a una sentenza di scomunica; ma a quanto pare è stata vincolata da una solenne promessa o da un voto che deve aver fatto per compiere questi pellegrinaggi, che ha obbligato il suo successore a dimettersi per suo conto. Va notato che il fantasma non è entrato nella chiesa dedicata a S. Nicolas, ma apparentemente per qualche motivo è rimasto alla porta ".
p. 114
Una circostanza davvero straordinaria è raccontata da Wipert, arcidiacono della celebre sede di Toul, che scrisse la vita di papa S. Leone IX, un pontefice, che era stato per più di venti anni vescovo di Toul, e che morì nel marzo 1054 Lo storico ci dice che alcuni anni prima della morte di S, Leone IX, i cittadini di Narni, un piccolo borgo che è pittorescamente situato su una roccia alta nel punto in cui il fiume Nera si fa strada attraverso uno stretto burrone per unirsi al Tevere, un giorno furono molto sorpresi e anzi allarmati nel vedere una misteriosa compagnia di persone che sembravano avanzare verso la città. I magistrati, temendo un po 'di sorpresa, ordinarono che le porte fossero chiuse rapidamente, mentre gli abitanti si lanciavano incessantemente contro le mura. La processione, tuttavia, che era vestita di bianco e di tanto in tanto sembrava svanire tra le nebbie mattutine e poi di nuovo riapparire, ovviamente non era nemica. gruppo musicale. Passarono per la loro strada senza girare a destra o a sinistra, e si dice che sembravano contorcersi con un ritmo misurato quasi fino all'evento. Tutti si chiedevano chi potessero essere queste persone, e alla fine uno dei cittadini più importanti, un uomo di grande risoluzione e coraggio decise di affrontarle. Con suo grande stupore vide tra loro una certa persona che era stata sua ospite molti anni prima di Ascoli e della cui morte non era stato informato di recente. Invocandolo a gran voce con il suo nome, chiese: "Chi sei e da dove viene questa folla?" "Sono il tuo vecchio amico", fu la risposta, "e questa moltitudine è fantasma; non abbiamo ancora espiato i peccati che abbiamo commesso mentre eravamo sulla terra, e non siamo ancora considerati degni di entrare nel Regno dei Cieli; quindi siamo inviato come umili penitenti, umili persone, il cui destino è doloroso e con molto tumulto per visitare i santi santuari del mondo, come quelli che ci sono stati nominati in ordine. A quest'ora veniamo dal santuario di S. Martino, e stiamo andando al santuario di Nostra Signora di Farfa. " Il buon uomo era così terrorizzato da queste parole che cadde come in un impeto e rimase malato per un intero dodicesimo mese. Fu lui a mettere in relazione questo straordinario evento con Papa S. Leone IX. Per quanto riguarda la società non ci potrebbero essere errori; non è stato visto da una persona o anche da pochi, ma da tutta la città. Anche se naturalmente, l'apparizione di un numero così vasto darebbe origine
p. 115
con non poca preoccupazione dato che si sospetterebbero progetti ostili, così un affollamento di pellegrinaggi nell'undicesimo secolo non sarebbe assolutamente unico, anche se fosse un evento eccezionale. Interi eserciti di persone pie stavano attraversando l'Europa da un santuario all'altro, mentre l'entusiasmo per il pellegrinaggio a Gerusalemme era fortemente in aumento e lo era, prima che fossero trascorsi molti anni per culminare nelle Crociate. Già alla fine del X secolo erano stati costruiti ospizi in tutta la valle del Danubio, la via preferita per la Terra Santa, dove i pellegrini potevano rifornire le loro provviste. Nel 1026, Richard, abate di Saint-Vannes, condusse settecento pellegrini in Palestina, con tutte le spese a carico di Richard II, duca di Normandia. Nel 1065, oltre dodicimila tedeschi, che avevano attraversato l'Europa, sotto il comando di Gunther, vescovo di Bamberg, durante il loro viaggio attraverso la Palestina dovettero cercare rifugio in una fortezza in rovina dove si difesero contro le truppe dei predoni beduini. Gunther è morto in questo anno a Odenberg (Sopron) in Ungheria mentre era impegnato in una crociata. Nel 1073, Papa S. Gregorio VII stava seriamente contemplando la guida di una forza di cinquantamila uomini in Oriente, pellegrini militari che avrebbero respinto i turchi, salvato il Santo Sepolcro e ristabilito l'unità dei cristiani. Pertanto, di per sé l'aspetto di questa compagnia di pellegrini fuori dalle mura di Narni, se notevole, sarebbe una circostanza molto possibile e comprensibile.
Nel suo Antidoto contro l'ateismo, III, 12, il dottor Henry More riferisce alcuni casi notevoli di fantasmi moltitudini. Dice: "Le nostre cronache inglesi ci parlano anche di apparizioni, uomini armati, piedi e cavalli, che combattono per terra nella parte settentrionale dell'Inghilterra e in Irlanda, per molte serate insieme, viste da molte centinaia di uomini contemporaneamente, e che l'erba era calpestata nei luoghi in cui venivano visti combattere le loro battaglie: che erano in armonia con Nicolea Langbernhard, la sua relazione dei ballerini dai piedi intagliati, che lasciava la stampa dei loro zoccoli sull'anello che calpestavano per molto tempo dopo .
"Ma questa scaramuccia sulla Terra, mi fa venire in mente l'ultima parte di questa discussione e mi fa alzare lo sguardo in aria. Dove, omettendo tutti gli altri Prodigi, prenderò solo atto di ciò che è più noto e di quale ci può essere
p. 116
non si può dare altro conto, se non che è l'effetto degli Spiriti. E questa è l'apparizione di uomini armati che combattono e si incontrano nel cielo. Ci sono così tanti esempi di questi prodigi negli storici, che è stato superfluo per esempio in nessuno. Che prima del grande massacro di non meno di quattro punteggi fatto da Antioco a Gerusalemme, registrato nel secondo capitolo dei Maccabei 5. è famoso. Lo storico lì scrive: "Che in tutta la città, per lo spazio di quasi quaranta giorni, furono visti cavalieri che correvano nell'aria in stoffa d'oro e armati di Lance, come una banda di soldati e truppe di cavalieri schierato, incontrando e correndo l'uno contro l'altro, con scuotimento di scudi e moltitudine di picche, disegno di spade, lancio di freccette e scintillio di ornamenti dorati e imbracature di ogni sorta. " E Josephus scrive anche riguardo ai Prodigi simili accaduti prima della distruzione della Città da parte di Tito, prefiggendosi innanzitutto che fossero incredibili, se non fossero stati registrati da coloro che ne erano testimoni di Eva.
"Simili apparizioni furono viste prima delle guerre civili di Marius e Sylla. E Melantone afferma che un mondo di tali prodigi fu visto in tutta la Germania, dal 1524 al 1548. Snellius, tra l'altro, si specializza in Amortsfort, dove questi combattimenti furono visti non molto più in alto delle cime delle case; come anche ad Amsterdam, dove c'era anche una battaglia marittima che compariva nell'Aria per un'ora o due insieme, con migliaia di uomini che guardavano. "
Non si dice che in realtà fossero i corpi di quelli che erano morti che furono così visti passare dalle mura di Narni, al contrario ci viene dato di capire che era un ospite spettrale, ma per quanto riguarda quelle persone che furono scomunicate dobbiamo credere che fisicamente sono vincolati dal divieto e che nei casi di rianimazione appare il corpo reale. È riferito nella vita di Libenzio I, arcivescovo di Amburgo-Brema, morto il 4 gennaio 1013, che governa la sua sede durante il regno di re Svend Tdeskaeg, che scomunicò un certo numero di pirati e che uno di loro fu ucciso fu sepolto sulla costa norvegese. Qui, per caso, quasi cinquant'anni dopo, il corpo fu scavato e fu trovato intatto il terrore più diffuso che seguì, fino a quando un vescovo alla fine
p. 117
fu trovato chi comprendendo le circostanze pronunciò le assoluzioni necessarie, quando il cadavere si sbriciolò in polvere. Un resoconto afferma che questo prelato era Alured of Winchester, anche se sembra difficile supporre che ciò sia corretto. È riferito che i corpi di coloro che sono stati colpiti da un fulmine sono spesso trovati intatti, un'opinione sostenuta dallo scrittore medico Zachias, ma Ambroise Paré lo ha spiegato poiché afferma che tali persone sono come imbalsamate con lo zolfo, che è una prevenzione della corruzione che agisce allo stesso modo del sale. Durante un terribile incendio nel Quebec nel 1705, il Convento delle Orsoline fu distrutto e morirono sfortunatamente cinque suore. Più di venti anni dopo i loro corpi che erano stati sepolti in uno strato di ceneri calde non furono semplicemente trovati intatti, ma dissanguarono copiosamente in un flusso denso.
Malva riferisce nella sua Turco-græcia che al tempo di un certo Patriarca di Costantinopoli, che egli chiama Massimo o Emanuel, e che colloca verso la fine del XV secolo, il Sultano ottomano desiderava indagare sulla verità di questa credenza che era così universalmente detenuto dai Greci, vale a dire che il corpo di una persona morta scomunicata rimase integro. Il patriarca fece aprire, la tomba di una donna, che era nota per essere stata l'amante di un arcivescovo di Costantinopoli, e il corpo fu trovato intero. I funzionari turchi lo hanno poi chiuso in una bara che era legata intorno e sigillata ermeticamente con lo stesso sigillo dell'Imperatore. Il Patriarca, dopo aver pronunciato le preghiere nominate, pronunciò una solenne assoluzione sulla donna morta, e tre giorni dopo, quando fu aperta la bara, si vide solo una manciata di polvere. Su questo Calmet osserva appropriatamente: "Non vedo alcun miracolo qui, poiché tutti sanno che a volte i corpi si trovano interi e completi in un monumento o sarcofago e che si sbriciolano immediatamente in polvere, vengono esposti all'aria" e i dotti L'abate aggiunge in modo molto pertinente: "Non vedo come l'arcivescovo di Costantinopoli dopo la morte potesse assolvere validamente una persona che era presumibilmente impenitente e che era morta scomunicata". Si ricorderà facilmente in questa connessione che le famose volte della chiesa di S. Michan a Dublino, per qualche ragione possiedono l'orrida proprietà di preservare i cadaveri dalla decadenza per secoli. Come il signor H. F. p. 118 Berry ci dice nella sua prefazione (p. Vi) a I registri della chiesa di S. Michan, Dublino, 1907: "Come è noto, le qualità conservative delle volte sotto la chiesa di S. Michan sono più notevoli e decadono nei corpi a loro affidati viene stranamente arrestato. L'ultimo scrittore sull'argomento (DA Chart, Story of Dublin) in un breve preavviso della Chiesa, parla di essere stato colpito (tra gli altri) "da un patetico cadavere, dal cui grassoccio le nebbie pendono ancora i nastri bianchi sbiaditi del suo funerale. "Questa bara reca la data, 1679; eppure le unghie dei piedi e dei piedi del bambino sono ancora distinte. Si ritiene che le qualità antisettiche siano in gran parte attribuibili all'estrema secchezza delle volte e alla grande libertà della loro atmosfera dalle particelle di polvere ".
È generalmente ammesso che le circostanze che accompagnano la decomposizione del corpo umano sono molto difficili nelle loro molteplici complicazioni poiché l'atmosfera, la situazione con altri incidenti giocano un ruolo così importante e oscuro, da cui queste leggi sono ancora molto molto imperfettamente comprese a causa dell'immensa pratica pratica difficoltà, si potrebbe quasi dire l'impossibilità, di un'indagine sistematica. I medici AC Taylor e FJ Smith nella loro giurisprudenza medica universalmente accettata come lavoro standard e completamente autorevole, commentano questi fenomeni in termini molto chiari, riconoscendo francamente i dubbi e le incertezze che ancora avvolgono l'intera questione. "L'azione dell'ambiente , le potenzialità intrinseche dei microbi e lo stato della loro vitalità in qualsiasi momento implicano un numero così enorme di fattori variabili e variabili che diventa del tutto impossibile spiegare su una base razionale di fatto accertato ... le variazioni straordinarie delle circostanze di putrefazione che sono state osservate ". E un po 'più tardi le stesse autorità ci dicono che "a volte un corpo è stato trovato più decomposto dopo sei o otto mesi di sepoltura di un altro che è rimasto sepolto per un periodo di diciotto mesi o due anni". Un eminente esperto medico americano, il Dr. H. p. Loomis, dice: "Ho visto corpi sepolti due mesi che hanno mostrato meno dei cambiamenti prodotti dalla putrefazione rispetto ad altri morti, ma una settimana".
I Greci, come abbiamo visto in dettaglio, in genere consideravano il fatto che un corpo fosse trovato intatto come un segno che la persona
p. 119
era morto scomunicato o maledetto, ed era comunque in uno stato di infelicità, di detenzione dolorosa o di libertà vigilata. È ora necessario considerare un aspetto della domanda che è diametralmente e totalmente opposto a questa idea, vale a dire quei casi in cui l'incorruzione è una prova di straordinaria santità, quando i resti mortali di un grande santo che sono stati riesumati dopo la morte sono stati trovati miracolosamente conservato per la venerazione dei fedeli. Ad oggi non è forse nemmeno riconosciuto quanto solenne e pesante, quanto sia lungo e dettagliato un processo sia quell'indagine che deve precedere quei decreti riguardanti l'onore religioso pagato a una persona deceduta distinta per eminente santità della vita, sia che si conosca quel culto permissivo come Beatificazione, o quel completo culto universale precettivo noto come Canonizzazione. Si può dire che il vero processo di un argomento proposto per la Canonizzazione abbia inizio quando sono già stati effettuati numerosi esami molto esaustivi, che per tutto il loro rigore sono preliminari e ordinari, e inizia il processo apostolico che indaga sulle virtù e sui miracoli della persona . S. Tommaso definisce un miracolo come un effetto che va al di là dell '"Ordine di tutta la natura creata". E spiega questo dicendoci che, se un uomo lancia in aria una pietra, un tale movimento non è saggio miracoloso, poiché sebbene superi i poteri nella natura di una pietra, è prodotto dal potere naturale dell'uomo , e quindi non supera il potere di tutta la natura creata. Oltre ai veri miracoli, possono essere ed effettivamente esposti numerosi fenomeni meravigliosi, molti dei quali sono dovuti a poteri naturali, ancora sconosciuti o del tutto sconosciuti, allucinazioni o frodi. Pertanto i miracoli non costituiscono santità di se stessi, e Benedetto XIV discute nella sua grande opera De Seruorum Dei Beatificatione et Beatorum Canonizatione, IV, pars. Circuito integrato. iv, De Fine Miraculorum, et de differenzis inter uera et falsa Miracula. La stessa grande autorità stabilisce che le virtù eroiche sono la prima e più decisiva testimonianza della santità; "visioni, profezie e miracoli sono solo di secondaria importanza, e sono assolutamente ignorati se la prova di virtù eroiche non è imminente". Ciò è ulteriormente insistito da Scacco, e Castellino dice prudentemente: "Non tutti i giusti devono essere canonizzati dalla Chiesa, ma quelli che hanno brillato con eroico
p. 120
virtù. "Tuttavia, il valore dei miracoli non deve essere sottovalutato e, sfortunatamente, in molte direzioni sembra che ci sia una tendenza a cadere in questo grave errore. Benedetto XIV ha un capitolo molto importante e pesante, De Miraculorum necessita in causis Beatificationis et Canonizationis, che potrebbe essere studiato con profitto e istruzione. Non è possibile qui fornire in dettaglio le varie classi di cause le cui circostanze richiedono un numero diverso di miracoli, ma può essere sufficiente dire che se le virtù o il martirio del soggetto sono dimostrati da i testimoni oculari sono necessari due miracoli per la beatificazione e due per la canonizzazione Se, tuttavia, le virtù o i miracoli sono stati stabiliti da prove che non sono quelle dei testimoni oculari (testes de auditu), sono necessari quattro miracoli per la beatificazione e due per la canonizzazione. Va notato che in tutti i casi i miracoli richiesti per la canonizzazione devono essere compiuti dopo la beatificazione e devono essere dimostrati da testimoni oculari. tra questi miracoli che devono essere stabiliti dalle prove prima che un decreto di Beatificazione sia pronunciato, la conservazione soprannaturale del corpo di un santo è talvolta ammessa, e sebbene un tale miracolo sia investigato con la più scrupolosa attenzione, tuttavia è considerato come una distinzione alta ed eccezionale. Si spera generalmente che all'esumazione di una persona la cui causa sia stata iniziata si possa ritenere che il corpo sia conservato incorrotto, ma questo non è assolutamente il caso. Così monsignor Benson in una lettera del 4 marzo 1904, scritta da Roma, dice: "Il sig .----- e ieri siamo andati all'esumazione del corpo di Elizabeth Sanna, che morì trentacinque anni fa in odore di santità. Speravano di trovare il corpo incorrotto, ma non era così ... era molto interessante vedere le ossa del Santo e l'abito francescano in cui fu sepolta come Terziario di S. Francesco; e pensare che molto probabilmente ognuno dei frammenti sarebbe un venerato cimelio un giorno ".
Bisogna quindi tenere presente che la conservazione dei corpi dei santi è un miracolo davvero notevole, e non è affatto saggio da paragonare a quella conservazione dei corpi che può verificarsi di volta in volta in condizioni alle quali siamo a conoscenza imperfettamente . Potrebbe essere opportuno fornire alcuni esempi di questo fenomeno soprannaturale. p. 121 Non del tutto estranei e sicuramente meritevoli di una breve considerazione sono quei casi di irradiazione quando i corpi o gli abiti, o forse le stanze di grandi santi e mistici divennero luminosi, emettendo raggi di luce, un fatto che sebbene certamente non originasse il l'introduzione del nimbus o dell'aureola nell'arte potrebbe probabilmente aver influenzato la pittura in larga misura. È un grande errore dire con Gerard Gietmann che tutti questi simboli sono suggeriti da fenomeni naturali, scientificamente spiegati nei libri di testo di fisica. Sebbene il nimbo fosse presto in uso nei monumenti di arte ellenica e romana, questo ebbe poca o nessuna influenza nel Medioevo e nei primi tempi cristiani. Perché, come dice Durandus, e giustamente, è stato nei passaggi delle Scritture che è stato fatto riferimento all'autorità per rappresentare l'aureola come segno di santità e dignità. "Sic omnes sancti pinguntur coronati, quasi dicerunt. Filiae Hierusalem., Uenite et uidete martyres cum coronis quibus coronauit eas Dominus. Et in Libro Sapientiae: Iusti accnient regnum decoris et diadema speciei of manu Domini. Corona autem huisusmodi depingitur in forma scuti rotundi quia sancti Dei protectione diuina fruuntur unde cantant gratulabundi: Domine ut scuto bonae uoluntatis tuae coronasti nos "(Perché così tutti i santi sono raffigurati, incoronati, come se dovessero dire:" O figlie di Gerusalemme, vieni a vedere i martiri con le corone con cui il loro Signore le incorona. "E nel Libro della Saggezza:" I Giusti riceveranno un regno di gloria e una corona di bellezza per mano del Signore. "Ora una corona di questo tipo è raffigurata nella forma di un secchio tondo, perché godono della protezione celeste di Dio, perciò cantano in perfetta felicità: "O Signore, ci hai incoronati come con lo scudo della tua buona volontà".) Si può notare che Papa Gregorio Magno ( circa 60 0) si è lasciato dipingere con un nimbo quadrato e Johannes Diaconus ci dice che questo era il segno per una persona vivente e non una corona. Altri esempi di questo ornamento ci sono giunti dai secoli seguenti e mostrano che persino i bambini erano talvolta rappresentati con questo nimbo quadrato.
Era impertinente tracciare lo sviluppo dell'alone nimbo, della gloria e dell'aureola nell'arte, ma questo non può non essere stato influenzato dall'irradiazione dei mistici e degli estatici. p. 122 Il convento domenicano di Adelhausen, fondato dal consorte di Egone II di Urach, conte di Friburgo (1218-36), è famoso nella storia del misticismo tedesco ed è stato il teatro dei fenomeni più sorprendenti. Christina Mechthild Tuschelin, una suora di questa casa che, si dice, ha rotto il silenzio solo una volta durante tutta la sua vita religiosa, è stata molto frequentemente illuminata con una tale gloria di luminosità che nessuno poteva guardarla, e a volte la comunità era obbligato a chiederle di assentarsi dal coro per poter recitare il loro ufficio senza distrazioni.
Un altro famoso domenicano, S. Vincent Ferrer, era spesso circondato dalla luce, e in più di un'occasione si pensava che o lui, o addirittura l'intera stanza fosse in fiamme, e le persone correvano lì in grande allarme per spegnere l'incendio, spesso anche , la sua abitudine bianca era in realtà bruciata sebbene non ci fosse fuoco nella stanza.
Vale la pena notare che l'aspetto di una stanza o di un edificio in fiamme è stato osservato in condizioni molto diverse e che proviene da un'origine molto diversa. Quando il famigerato dottor John Dee era direttore del Manchester College, posizione che ottenne nel 1595 e che si dimise a causa di problemi di salute nel 1602 o 1603, spesso suscitava il sospetto della straordinaria, e sussurrata sussurra, natura dei suoi studi che egli spesso perseguito nonostante i suoi settant'anni e oltre fino allo spuntar del giorno. A mezzanotte, l'intero collegio fu destato dal bagliore accecante di un potente fuoco, e si vide che gli alloggi del guardiano stavano scoppiando in fiamme in ogni direzione. In pochi istanti una folla si affrettò a precipitarsi sul posto e furono portati secchi d'acqua, quando le fiamme si spensero improvvisamente, e quasi immediatamente il Dr. Dee apparve da casa sua per ringraziarli per la loro cura e assicurare loro che era stato in grado per domare la conflagrazione. Si dice che il giorno successivo l'edificio non portò alcun segno di incendio, il che, insieme al fatto che si era estinto così misteriosamente, le fiamme andarono lontano per aumentare la sua cupa reputazione nella città.
L'alone non è semplicemente un simbolismo artistico. Si percepiva spesso un bagliore luminoso che circondava la testa di S. Rosa di Lima, e lo stesso non fu raramente osservato nei casi di Thomas Lombard e del fratello laico Barnaby di Pistoia. Questo è anche registrato di S. Ravello, un vescovo di
p. 123
Ferrara, e di S. Afra di Augusta, il cui Passio non è più tardi della fine del IV secolo. Le cronache olivetane nel loro resoconto del fondatore di questa austera riforma, Bernardo Ptolomei, affermano che spesso veniva visto circondato dalla luce, un fenomeno che distingueva anche Giovanni Battista de Lanuza e la povera Chiara, Antonia di Firenze, che morì nel 1472. Una gloria a forma di stella fu osservata sulla fronte di Diego Lauda, ​​e questo è anche legato alla meravigliosa estatica Cecilia Baldi di Bologna. La descrizione di S. Domenico che Cecilia Cesarini era solita dare deve essere molto familiare a tutti. Amava raccontare come, salvo quando il dolore degli altri lo spingeva alla compassione, era sempre gioioso e felice, e molto spesso una luce radiosa giocava sui suoi templi e illuminava i suoi dolci sorrisi. Il volto di Dominica di S. Maria letteralmente divampò di luce quando ricevette la Santa Comunione, e la stessa meraviglia fu osservata nel caso di Ida di Lovanio, una monaca cistercense stigmatizzata del Convento di Valrose, che morì nel 1300.
Ci sono molti esempi più recenti di questa luce soprannaturale, come ad esempio nel caso di S. Alfonso Liguori il cui volto quando un giorno predicò nella Cattedrale di Foggia, un ferverino in onore di Nostra Signora divenne estremamente luminoso e irradiato da raggi di brillantezza abbagliante. Ancora una volta il venerabile Antony Claret, che morì il 24 ottobre 1870, non fu raramente visto come aureo in un grande splendore di gloria dorata mentre recitava messa nella Cappella Reale di Madrid. Questo miracolo fu testimoniato da molti e la regina Isabella II prestò solennemente giuramento in tal senso, richiedendo che fosse registrata. Lo stesso fenomeno fu testimoniato da tutta la congregazione quando il Venerabile Claret si stava rivolgendo a loro dal pulpito nella Cattedrale di Vichy.
Non sembrerà sorprendente che questa irradiazione spesso raggiunga la sua massima intensità nell'ora della morte quando si rompono gli ultimi legami che legano l'uomo alla terra. S. Giovanni della Croce nei suoi ultimi momenti fu circondato da una corruzione così brillante che coloro che erano presenti erano tenuti a distogliere lo sguardo abbagliati e accecati. Quando una pia vedova, Gentile di Ravenna stava morendo, l'intera stanza sembrò brillare, un fenomeno che si ripeté nel caso di Diego Ortiz, mentre lo stesso è stato registrato del p. 124 suora domenicana, Maria Villani di Napoli (1584-1670), che ha avuto pochi rivali nelle sue profonde opere sul misticismo.
Potrebbero essere forniti molti altri esempi, ma ora menzioneremo alcuni casi in cui l'irradiazione è continuata anche dopo che l'anima aveva lasciato il corpo. Tale era il caso di S. Alfrida, figlia del re Offa di Mercia; mentre i corpi di S. Juventius e S. Massimo riflettevano in modo così penetrante uno splendore che nessuno poteva sopportare di guardarli. Si dice che circostanze simili si siano verificate nella tomba di S. Wilfred, che fu custodita nella chiesa di S. Pietro a Ripon, e anche nella tomba di S. Kunigunde, che è sepolta nella Cattedrale di Bamberga.
Del beato Walter l'abate premostratense di Ilfeld ad Hannover, morto nel 1229, la cronaca nobertina ci dice che quando il corpo santo veniva trasportato sulla sua bara fino alla tomba, una gloria così grande brillava tutt'intorno che i religiosi che stavano generando in solenne processione dopo che le spoglie del loro defunto padre erano svanite per velare i loro occhi. "B. Walterus... Moriens cum sepulchrum deferretur, tanta lux diuinitus immissa defuncti corpus irradiauit, ut religiosi adsistentes eam uix ferre possent." Su questo un vecchio poeta scrisse le seguenti righe:
Il B. Walters intorno alla luce bara coposia a brillare.
Amare i raggi di una mucca fisica sono stupito mantenere il
cuore Rutilasse del suo viso etereo.
E what-if stupito mentre l'onda sole lavandino;
C'è stato estinto diffusione posso fare?
Qui carne Waltervs il Unbound
Per cogliere un triste fratelli strappato via.
Non possiamo permettere che il potere della ,, e si indigna la tomba?
Claudier, nel Cincri, non si tratta di lasciare per il banale:
aumento Ucrum, la radio la piena Bier;
Come al solito si alza Lucifero dal sorgere delle acque.
Oh, un uomo di santo, che siamo stati qui così grande, se la luce della vostra,
La natura e il grado del flash stella cielo?
Non sorprende che le persone la cui santità e ascetismo siano state così grandi durante la loro vita, che i loro corpi siano stati sottoposti a un fenomeno così straordinario come l'irradiazione, dopo la morte siano rimaste incorrotte. La connessione tra i due è molto ovvia e va notato che l'incorruzione è una delle circostanze più comuni
p. 125
registrato in agiologia. Sebbene sia impossibile dare più di alcuni esempi da moltissimi, si può menzionare che nel caso di S. Edoardo il Confessore, morto il 5 gennaio 1066, quando il corpo fu esaminato nel 1102, si scoprì che era incorrotto, gli arti flessibili e le cerimonie fresche e pulite: mentre due anni dopo la canonizzazione (1161) il corpo, rigido incorrotto, fu tradotto in una tomba della più grande magnificenza. Quando ottanta anni dopo la prima deposizione, il corpo di S. Hugh, vescovo di Lincoln, che morì nel 1200 e fu sepolto nella Cattedrale di Lincoln, fu portato per essere tradotto in un santuario più ricco che fu trovato completamente intatto. Forse uno dei più notevoli esempi di resti mortali di un santo che sono ancora conservati in modo soprannaturale è quello della povera Chiara, S. Caterina da Bologna, morta il 9 marzo 1463 e il cui corpo è venerato in un piccolo santuario, ma squisitamente elegante annesso al convento del Corpus Domini a Bologna. È una circostanza notevole che qui non è conservato sotto il cristallo o il vetro ma è seduto, vestito con sontuosi broccati, ingioiellato e incoronato, in una sedia ricamata al centro della stanza. Il corpo è essiccato, ma in nessun modo decaduto. Nel Convento dei Carmelitani di Piazza Savonarola a Firenze si trova il corpo di S. Maria Madalena de 'Pazzi che morì il 25 maggio 1607. Fu riesumato nel 1608, a causa dell'umidità, quando fu trovato intero e flessibile, ed è stato ufficialmente certificato per essere intatto nel 1639 e di nuovo nel 1663. È ancora perfetto e integro dove si riposa; in un elaborato santuario di cristallo e oro. Nella stessa chiesa si trova il corpo incorrotto di Maria Bartolomea Bagnesi, terziaria domenicana, la cui morte avvenne il Pentecoste-Martedì 1577. Il corpo di un altro grande santo di Firenze, S. Antonino, che non fu sepolto per otto giorni, rimase flessibile. Questo grande arcivescovo morì il 2 maggio 1459 e nel 1589, quando fu esaminata la sua tomba, i resti sacri furono trovati ancora intatti.
A Montefalco, in alto tra gli altipiani umbri, si trova il corpo dell'agostiniana di S. Chiara, una delle glorie di quell'antico Ordine così ricco di nomi santi e venerabili, e uno dei più meravigliosi estatici di tutti i tempi. Nata intorno al 1275, forse qualche anno prima, divenne badessa del convento di Montefalco e sembrava abitare più in cielo che in terra. Dotato dello spirito di profezia
p. 126
e la grazia di fare miracoli, è stata oggetto di estasi e estasi straordinarie, che sono state prolungate da giorni a settimane. Morì, il 17 agosto 1308, alle tre del mattino, e quando il suo cuore fu estratto dal suo corpo questo si aprì e in esso impresso sulla carne stessa fu vista una figura di Cristo crocifisso, il flagello, la Corona di Spine, colonna, lancia, tre chiodi, spugna e canna. Questa reliquia è venerata oggi a Montefalco. Anche ora il suo corpo giace lì perfetto e intatto. Le mani e il viso sono chiaramente visibili, squisitamente pallidi e adorabili, non toccati da alcun segno di corruzione. Non è stato imbalsamato, ma Lorenzo Tardy afferma che in tutta Italia tutti i corpi dei santi che sono venerati incorrotti nel corpo di S. Chiara di Montefalco sono i più belli e più liberi da qualsiasi macchia o macchia nel corso degli anni.
Inoltre, quando il suo cuore fu aperto, il sangue scorreva in grande abbondanza e veniva accuratamente raccolto in una fiala di vetro. Sebbene normalmente coagulato, ha conservato a colori un rosso vivo brillante come se fosse stato versato di recente. A intervalli rari questo sangue si liquefa e diventa opaco e congestionato, umido, lucente, trasparente e scorrevole. In alcune occasioni si è saputo che si trattava di spume e bolle. Vi sono numerosi documenti che ciò avvenne nel 1495, 1500, 1508, 1570, 1600 e 1618.
È noto che il nuovo sangue è stato spesso trasudato dal braccio di S. Nicola, O.S.A., che è conservato a Tolentino, ma il più famoso di questi miracoli di sangue è, ovviamente, quello di S. Gennaro, Patrono di Napoli. Qui il sangue del Santo, contenuto in due fiale, racchiuso in un reliquiario d'argento, viene tenuto dal sacerdote officiante diciotto volte l'anno prima della congregazione nella Cattedrale. Sull'altare è esposto il busto d'argento contenente la Testa del Santo. Dopo un intervallo, a volte uno spazio di poco più di due minuti e a volte (ma molto raramente) quasi un'ora la massa congestionata nelle fiale diventa cremisi e liquida e, a volte, schiume e bolle all'interno dell'ampolla. La scienza che si è esaurita per trovare qualche spiegazione del fenomeno confessa un miracolo. La stessa liquefazione avviene in relazione ad alcune altre Reliquie di singolare santità, il sangue di S. p. 127 Giovanni Battista, di S. Stefano, il Proto-Martire, di S. Patrizia, e in particolare di S. Pantaleone, reliquie del cui sangue conservato nel Convento dell'Incoronazione, Madrid, a Napoli e a Ravello, si liquefanno sul festa del Santo dopo il ritorno a una sostanza congestionata. Sembrerebbe che una reliquia del sangue di S. Pantaleone nella Valle della Lucarina rimanga liquida tutto l'anno. Come ci si potrebbe aspettare, gli scettici sia senza - sia purtroppo! all'interno della Chiesa hanno tentato di trovare qualche spiegazione naturale, ma senza risultati. Uno scrittore notoriamente razionalista è "fortemente propenso a credere che tali presunte reliquie del sangue si siano sempre liquefatte se sono state esposte abbastanza a lungo alla luce e all'aria", un suggerimento che è evidentemente falso. Lo stesso maggot-mongota si è avventurato audacemente a dichiarare: "Se potessimo supporre che una sostanza o una miscela fosse stata scoperta accidentalmente che si induriva quando veniva chiusa al buio, ma si scioglieva più o meno rapidamente quando veniva esposta alla luce del giorno in un'atmosfera più calda , sarebbe facile comprendere la moltiplicazione delle presunte reliquie di questo personaggio, che indubbiamente sembra aver avuto luogo nell'ultima parte del XVI secolo ". È istruttivo osservare quali ipotesi selvagge costruiranno gli uomini e quali turni cercheranno gli uomini che si sforzano di sfuggire ai fatti.
Il 20 maggio 1444, il celebre missionario e riformatore S. Bernardino da Siena morì all'Aquila in Abruzzo. Era la Veglia dell'Ascensione e nel coro i frati cantavano l'Antifona al Magnificat, Pater, manifestaui nomen tuum hominibus. . . ad Te uenio, alleluja. Il corpo fu tenuto nella Chiesa per ventisei giorni dopo la morte, e ciò che è davvero notevole fu un abbondante flusso di sangue dopo ventiquattro giorni. I senesi chiesero che un tesoro così grande potesse essere consegnato a loro, ma i magistrati locali si rifiutarono di farlo e, in seguito al più grande splendore, S. Bernardino fu deposto nella Chiesa dei Coventuals. Sei anni dopo, il 24 maggio 1450, il Santo fu solennemente canonizzato da Nicolas V. Il 17 maggio 1472, il corpo, ma senza speck o mar, fu tradotto nella nuova Chiesa degli Osservanti all'Aquila, che era stata appositamente costruita per riceverlo, e qui fu racchiuso in un santuario costoso presentato da Luigi XI di Francia. Questa chiesa è stata completamente distrutta da un terremoto
p. 128
nel 1703 fu sostituito da un altro edificio in cui sono ancora venerate le reliquie di S. Bernardino. Il corpo era ancora intatto nel diciassettesimo secolo.
Per quanto riguarda il flusso di sangue, lo stesso fenomeno è stato osservato e continua ancora nel caso di S. Nicola di Tolentino, che morì il 10 settembre 1306 e che vi fu sepolto nella sua Basilica. Duecento anni dopo la sua morte alcune persone che si erano nascoste nella chiesa durante la notte cercarono di tagliarsi un braccio e trasportarlo come una reliquia. Non appena avevano iniziato questa operazione e avevano squarciato la carne con un coltello, il sangue scorreva liberamente come da un corpo vivente.
Il primo patriarca di Venezia, S. Lorenzo Giustiniani, morì il 1 ° gennaio 1455, e così grande fu l'atrio di persone per venerare i suoi resti che il corpo giaceva nella chiesa di San Pietro di Castello (ex SS. Sergio e Bacco) per non meno di sessantasette giorni, esposti all'aria. Sebbene non fosse stato imbalsamato, il viso continuava con una carnagione fresca e ruvida come nella vita. Il corpo del francescano, S. Giovanni Capistrano, morto il 23 ottobre 1456, fu trovato incorrotto nel 1765; e il corpo della suora agostiniana, S. Rita da Cascia è ancora intatto nel suo santuario del convento tra le colline toscane. Il corpo di S. Didaco, un fratello laico dei Frati Minori che morì ad Alcala il 12 novembre 1463, fu riesumato quattro giorni dopo la morte e rimase in superficie per sei mesi, flessibile e intero; era ancora senza macchia nel 1562. Fino al 1867, il corpo della fondatrice delle Orsoline, S. Angela Merici, che morì a Brescia, il 27 gennaio 1540, fu trovato intero.
Qui non si può inavvertitamente notare che la Chiesa ortodossa russa include nel suo calendario un numero di vescovi, monaci e santi eremiti, i cui corpi sono stati scoperti intatti in un periodo considerevole dopo la morte, e se non proprio in questi giorni un condizioni assolutamente necessarie per l'incorruzione della canonizzazione sono comunque considerate prove di straordinaria santità. A Kieff c'è (o era) un famoso santuario che conteneva i corpi di non meno di settantatre venerabili religiosi. Mi è stato detto da coloro che hanno visitato questo santuario che questi sono incorrotti, sebbene oscuri e mummificati. Sono vestiti in abiti eleganti e disposti in bare aperte per l'onore generale e
p. 129
culto. Hassert parla del corpo di S. Basilio di Ostrog, che era intero sebbene molto essiccato. "A Cetienje Schwarz vide il corpo di S. Pietro I, il Vladika, che morì nel 1830." Dieser Dürre, Steinharte Kadaver ", chiama Va notato che questi resti sono sempre descritti come riarsa, sere e appassite, e non conservano in alcun modo la freschezza, il colore naturale e la carnagione della vita, che così spesso distingue i corpi incorrotti dei santi della Chiesa cattolica.
Forse per queste Reliquie mummificate, potrebbero esserci pochi contrasti più sorprendenti del corpo di S. Caterina da Genova - per prendere il primo esempio che si presenta - che, quando l'ho venerato alcuni anni fa nella cappella del suo stesso Ospedale sembrava che la Santa stesse riposando nel suo santuario, come se potesse aprire gli occhi e sorridere dolcemente ai suoi clienti che si inginocchiavano nella più umile preghiera. I fenomeni straordinari legati al corpo di S. Teresa che morì ad Alba de Tormes, il 4 ottobre 1582, sono così noti e sono stati così spesso descritti in dettaglio che è necessario solo leggermente fare riferimento a loro. Le suore temendo che questo grande tesoro sarebbe stato loro tolto in fretta la seppellirono l'indomani dopo la sua morte. Una massa di mattoni, pietre, malta e calce era ammucchiata in fretta sul coperchio della bara. Per molti giorni si udirono strani colpi come dalla tomba stessa. Emanava un profumo misterioso che variava non solo in gradi ma in natura, perché a volte era come gigli, a volte come rose, a volte come violette e spesso come gelsomino. La comunità si rimproverò di non aver dato alla madre una sepoltura più onorevole e alla fine fu deciso che il corpo dovesse essere segretamente riesumato. Ciò avvenne il 4 luglio 1583. Si scoprì che il coperchio della bara era stato rotto dalle macerie ammucchiate su di esso e che il legno era marcio e decomposto. L'abitudine era macchiata e puzzava di umidità e terra, ma i santi resti erano integri e integri come il giorno in cui furono deposti sulla terra. Hanno rimosso gli abiti da mouldering, hanno lavato il corpo, raschiando la terra con i coltelli, e si è notato che i raschietti della terra erano redolenti degli stessi profumi che riempivano la tomba. Inoltre, sia la terra che le cerimonie erano sature di un olio profumato che trasudava dal corpo. Sì, che scrisse nel 1614, il
p. 130
L'anno in cui il Santo fu beatificato attira in particolare l'attenzione su questa effusione profumata, e più tardi, quando i resti furono nuovamente esaminati, si scoprì che un lenzuolo di lino con cui era stato coperto il corpo era odoroso dalla stessa deflessione. Questo fenomeno classifica S. Teresa tra i santi che sono tecnicamente noti come Myroblites (μυρόβλυτες), dalle cui reliquie trasudano balsamo e ichori aromatici. Di questi forse S. Nicola di Myra, che giace a Bari, è il più famoso. Ci può anche essere chiamato S. Willibrord, l'apostolo dell'Olanda; S. Vitalian; S. Lutgarde; S. Walbruga; S. Rosa, di Viterbo; la Beata Mathia de 'Nazzarei, una povera Chiara di Matelica; S. Hedwige, della Polonia; S. Eustochium; S. Agnese di Montepulciano, la monaca domenicana; S. Maria Maddalena de'Pazzi; e l'estatica carmelitana Marguerite Van Valkenissen, fondatrice del convento di Oirschot nel Brabante.
Fu questa incorruttibilità che fu la causa immediata dei primi passi ufficiali presi per garantire la beatificazione e la canonizzazione di Teresa de Jesus. Prima che il corpo fosse sostituito dopo l'esumazione il Provinciale, padre Geronymo de la Madre de Dios, meglio noto come Gracian, tagliò la mano sinistra e la portò via con sé ad Avila in una bara chiusa, quando il sangue scorreva liberamente dalla ferita. Due anni dopo fu decretato dal Capitolo generale carmelitano che il corpo dovesse essere tradotto nel convento di Avila, che come luogo di nascita della Santa e come sua prima fondazione aveva senza dubbio il miglior diritto a queste reliquie. Ma per risparmiare le suore di Alba i padri decisero che il transfert dovesse essere eseguito di nascosto, e di conseguenza i funzionari a cui era stato affidato questo affare aprirono la tomba alle nove della notte del 24 novembre 1585 e in adempimento dei loro ordini, mentre la sorellanza era impegnata a Matin nel coro sopra, riesumava il corpo. Per mitigare il dolore del convento fu deciso che il braccio sinistro dovesse essere reciso e che gli sarebbe stato permesso di trattenerlo. Fray Gregorio de Nacianceno a cui fu affidato questo sopraffatto dall'emozione, estrasse un coltello affilato e recise l'arto. In seguito disse a Ribera che era il più grande sacrificio di se stesso che Dio gli avesse mai chiesto di fare. È stato osservato che l'osso era sano, la carne morbida e il suo colore naturale
p. 131
se il santo fosse vivo. Quando i preziosi resti arrivarono al convento di San José d'Avila, fu registrato che il corpo era privo di segni di corruzione, poiché quando lo sollevarono dal petto sembrò quello di un addormentato. Ribera ci ha lasciato una breve descrizione dei resti che ha esaminato a fondo il 25 marzo 1588 e il suo resoconto è così interessante che non sarà impertinente citarlo per intero. Scrive: "Ho visto il corpo santo, con mia grande soddisfazione, il 25 marzo di quest'anno del 1588, mentre lo esaminavo a fondo, essendo la mia intenzione di dare la testimonianza che do qui. Posso descriverlo bene. È eretto, anche se piegato in qualche modo in avanti, come al solito con le persone anziane; e con esso, si può ben vedere che era di ottima statura. Mettendo una mano dietro di essa per appoggiarsi, si alza e può essere vestita e si spogliò come se fosse viva. L'intero corpo ha il colore delle date, anche se in alcune parti un po 'più bianco. Il viso è di un colore più scuro rispetto agli altri, poiché il velo è caduto su di esso e si è raccolto un grande quantità di polvere, era molto peggio trattata rispetto ad altre parti del corpo, ma è assolutamente intera, in modo che nemmeno la punta del naso abbia subito lesioni. La testa è ricoperta da una folta capigliatura come quando la seppellirono. Gli occhi si seccano, l'umidità che possiedono è evaporata, ma per il resto intero le arie sulle talpe sul suo viso sono lì. La bocca è leggermente chiusa, quindi non può essere aperta. Le spalle, in particolare, sono molto carnose. Il luogo da cui è uscito il braccio è umido e l'umidità si attacca alla mano e lascia lo stesso odore del corpo. La mano estremamente formosa e sollevata come nell'azione della benedizione, anche se le dita non sono intere. Si ammalarono nel prenderli, dal momento che la mano che aveva fatto cose così grandi, e che Dio aveva lasciato tutto, avrebbe dovuto rimanere per sempre così. I piedi sono molto belli e ben fatti e, in breve, l'intero corpo è coperto di carne. La fragranza del corpo è la stessa di quella del braccio, ma più forte. È stata una consolazione così grande per me vedere questo tesoro nascosto, che a mio avviso è stato il giorno migliore che abbia mai avuto in vita mia e non sono riuscito a guardarla abbastanza. Ho un'ansia, per paura che un giorno lo separino, su richiesta di grandi personaggi o all'importanza dei monasteri; poiché ciò non dovrebbe assolutamente essere fatto, ma dovrebbe rimanere come Dio l'ha lasciato, come testimonianza
p. 132
della sua grandezza, e della più pura verginità e ammirevole santità di Madre Teresa de Jesus. Secondo me, né chi lo chiede né chi lo concede, si comporteranno come suoi veri figli. "
Avendo affrontato un caso così celebrato in dettaglio, possiamo passare brevemente in rassegna altri quattro o cinque altri casi più premettendo che questi sono stati selezionati da moltissimi, qualcosa a caso, e non perché presentano fenomeni notevoli o unici che non sarebbe tollerabilmente facile parallelizzare in altri account. D'altra parte non sono meno memorabili di quanto non sia il caso della stessa S. Teresa: per esempio, fu trovato il corpo di S. Pascal Baylon, morto a Villa Reale, il 15 maggio 1592, sebbene ricoperto di calce viva nove mesi dopo fu intero e incorrotto e nel 1611 chirurghi esperti dichiararono che la conservazione era miracolosa. Ancora una volta il corpo di S. Filippo Neri, che morì il 25 maggio 1595, fu scoperto perfettamente intatto otto mesi dopo la sepoltura, ed era ancora intero quando esaminato nel 1599, 1602 e 1639. Nei casi di due santi che morirono nel 1608, Francesco Caracciolo, che è scaduto ad Agnone in Abruzzo, 4 giugno, 160 8; e Andrea Avellino, che fu colpito dall'apoplessia a Napoli il 10 novembre dello stesso anno, furono notati curiosi fenomeni di sangue. Il corpo di S. Francesco rimase flessibile e quando un'incisione fu fatta il sangue scorreva liberamente. Il corpo di S. Andrea fu trovato incorrotto più di un anno dopo che era stato sepolto. Una quantità di sangue che era stata ricevuta in una fiala non si congelava, ma si osserva costantemente che è ancora liquida. Nel caso di S. Camillo di Lellis, morto a Roma il 14 luglio 1614, il corpo rimase morbido e flessibile. Nel suo convento nell'aerie umbra di Città di Castello riposa il corpo senza macchia e completo della Capuchiness, S. Veronica Giuliam, che morì il 9 luglio 1727. Qui si può vedere, riposando come se non fosse morta, ma dormiva.
Questo elenco potrebbe essere notevolmente prolungato senza molte ricerche o difficoltà; tuttavia, è senza dubbio già sufficientemente ampio, e ho pensato che valesse la pena trattare il tema dell'incorruttibilità dei corpi dei santi in qualche dettaglio, come se, naturalmente, questo fenomeno non sia di per sé considerato una prova di santità, la conservazione del corpo di una persona che ha condotto una vita di virtù eroica quando questa
p. 133
la santità eminente è stata riconosciuta ufficialmente e autorevolmente, può essere ammessa come un miracolo, vale a dire come soprannaturale. Più di una volta è stata attirata l'attenzione sul fatto che esistono parodie di questi fenomeni e poiché l'incorruttibilità è spesso legata alla santità, è essenziale per il vero opposto della santità, il demonismo del vampiro. È stato detto che il vampiro, come un demone rianima i cadaveri di persone del tutto innocenti, ma questo è molto dubbio ed è probabile che gli unici corpi così infestati e preservati dall'oscurità siano quelli di persone che durante la loro vita erano distinto da atti senza atrocità ordinaria. Molto spesso anche il vampiro è un cadavere rianimato dal suo stesso spirito che cerca di continuare la propria vita nella morte facendo leva sugli altri e nutrendosi della loro vitalità, vale a dire assorbendo il loro sangue poiché il sangue è il principio della vita.
Il Dr. T. Claye Shaw nel suo studio, A Prominent Motive in Murder ci ha fornito un documento molto prezioso e suggestivo sul fascino naturale del sangue che può essere repellente o attraente, e dal momento che il Dr. Havelock Ellis ha osservato con attenzione che "c'è quasi nessun oggetto naturale con un effetto così profondamente emotivo come il sangue, "è facile capire come quasi il sangue sia collegato alle manifestazioni sessuali e quanto chiaramente la vista erotica e provocatoria o persino il pensiero del sangue provino quasi inevitabilmente. Sembrerebbe essere Plumröder, che nel 1830 fu il primo ad attirare una netta attenzione sulla connessione tra passioni sessuali e sangue. Le sensazioni voluttuose eccitate dal sangue danno origine a quella brama di sangue che il Dr. Shaw definisce emotimia. È stato registrato un gran numero di casi in cui le persone che sono normali, provano intenso piacere nel pensiero del sangue durante le loro relazioni sessuali, anche se forse se il sangue stesse effettivamente scorrendo potrebbero provare repulsione. Tuttavia "normalmente il fascino del sangue, se presente durante l'eccitazione sessuale, rimane più o meno latente, sia perché è debole o perché i controlli che lo inibiscono sono inevitabilmente molto potenti".
Il sangue è l'essenza vitale e anche senza un vero succhiare del sangue c'è un vampiro che può - consciamente o forse inconsciamente - sostenere la sua vita e ri-energizzare la sua struttura attingendo alla vitalità degli altri. Lui potrebbe
p. 134
essere chiamato un vampiro spirituale, o come è stato soprannominato una "spugna psichica". Tali tipi non sono affatto rari. Le persone sensibili si lamenteranno dopo la stanchezza e la perdita degli spiriti quando saranno a lungo in compagnia di alcuni altri, e Laurence Oliphant nella sua Religione scientifica ha dichiarato: "Molte persone sono così costituite da avere, inconsciamente, una straordinaria facoltà di succhiare il principio vitale dagli altri, che sono costituzionalmente incapaci di conservare la propria vitalità ". Gli allevatori ci dicono che i giovani animali non dovrebbero essere allevati con quelli vecchi; I medici vietano ai bambini piccoli di dormire con persone anziane. Si ricorderà che quando il re Davide era vecchio e sofferente, le sue forze furono reclutate avendo una giovane fanciulla a stretto contatto con lui, sebbene non fosse più in grado di copulare. Et rex Dauid senuerat, habebatque aetatis plurimos muore: cumque operiretur uestibus, non calefiebat. Dixerunt ergo ei serui sui: Quaeremus domino nostro regi adolescentulam uirginem, et stet coram rege, et foueat eam, dormiatque in sinu suo, et calefaciat dominum nostrum regem. Quaesierunt igitur adolescentulam speciosam in omnibus finibus Israel, et inuenerunt Abisag Sunamitidem, et adduxerunt eam ad regem. Erat autem puella pulchra nimis, dormiebatque cum rege, et ministrabat ei, rex uero non cognouit eam, III Kings (AV. I Kings) 1, 1-4. (Ora il re David era vecchio e avanzò negli anni; e quando era coperto di vestiti non era caldo. I suoi servi quindi gli dissero: "Cerchiamo il nostro re, una giovane vergine, e lasciamola stare davanti il re, e amatelo, dormite nel suo seno e scaldiamo il re nostro signore. "Così cercarono una bella giovane donna in tutte le coste di Israele, e trovarono Abisag, una sunamitessa, e la portarono dal re. E la fanciulla era straordinariamente bella, e dormì con il re; e lo servì, ma il re non la conosceva.) La vitalità della giovane e adorabile fanciulla servì a ri-energizzare il vecchio monarca, che attingeva così alla sua freschezza e giovinezza, sebbene non ci fosse coito.
In un articolo su Vampires, Borderland, Vol. III, n. 3, luglio 1896, pp. 353-358, il Dr. Franz Hartmann, menziona la "spugna psichica" o vampiro mentale. Dice: "Inconsciamente vampirizzano ogni persona sensibile con cui
p. 135
vengono in contatto e istintivamente cercano tali persone e le invitano a rimanere nelle loro case. Conosco una signora anziana, un vampiro, che ha così rovinato la salute di molte ragazze robuste, che ha preso al suo servizio e le ha fatte dormire nella sua stanza. Erano tutti in buona salute quando sono entrati, ma presto hanno iniziato a soffrire, sono diventati emaciati e consumati e hanno dovuto abbandonare il servizio ".
Si può dire che il vampirismo in qualche modo e in una certa misura lasci le sue tracce in quasi tutta la natura. Proprio come abbiamo gli uomini e le donne parassiti, così abbiamo anche le piante parassite, e a questo punto ci si impone qualche menzione dell'animale che deriva direttamente un nome da abitudini che assomigliano esattamente a quelle del vampiro slavo - il vampiro Bat. C'è stata molta esagerazione nei resoconti che i viaggiatori hanno fornito di questi pipistrelli e molti dettagli sembrano essere stati osservati in modo molto impreciso da precedenti ricercatori. L'Encyclopædia Britannica afferma che sono note solo due specie di pipistrelli succhiasangue: Desmodus rufus e Diphylla ecaudata. Questi abitano le regioni tropicali e parte delle regioni subtropicali del Nuovo Mondo e sono limitate al Sud e al Centro America. I loro attacchi contro uomini e altri animali a sangue caldo furono notati da scrittori molto antichi. Così Peter Martyr (Anghiera)
che scrisse poco dopo la conquista del Sud America, dice che nell'istmo di Darien c'erano pipistrelli che succhiavano il sangue di uomini e bestiame quando dormivano a tal punto da ucciderli. Condamine nel diciottesimo secolo osserva che a Borja, in Ecuador, e in altri distretti avevano completamente distrutto il bestiame introdotto dai missionari. Sir Robert Schomburgh riferisce che a Wicki, sul fiume Berlice, nessun uccello poteva essere tenuto a causa delle devastazioni di queste creature, che attaccavano i loro pettini facendoli apparire bianchi per la perdita di sangue.
Anche se a lungo noto agli europei, le specie esatte a cui appartenevano questi pipistrelli non dovevano essere determinate per molto tempo, e in passato gli scrittori hanno affermato che molti pipistrelli frugivori, in particolare lo spettro di Vampyrus, un grosso pipistrello dall'aspetto più proibitivo, sono i veri Vampiro. Charles Darwin è stato in grado di riparare almeno una delle specie succhiasangue. Dice che l'intera circostanza era molto messa in dubbio
p. 136
Inghilterra, ma "stavamo bivaccando a tarda notte vicino a Coquimbo in Cile, quando il mio servitore, notando che uno dei cavalli era molto irrequieto, andò a vedere qual era il problema, e immaginando di poter rilevare qualcosa, improvvisamente mise la mano sulla bestia appassisce e assicura il vampiro ". (Naturalist's Voyage Round the World, p. 22.)
I viaggiatori dicono che le ferite inflitte da questi pipistrelli hanno un carattere simile a un taglio di un rasoio affilato durante la rasatura. Una parte della pelle viene tolta e un gran numero di vasi capillari recisi così esposti, viene mantenuto un flusso costante di sangue. Da questa fonte il sangue viene attirato attraverso l'esofago estremamente piccolo del pipistrello nello stomaco simile all'intestino, da dove viene, probabilmente, gradualmente espulso durante il lento progresso della digestione, mentre l'animale sazio del cibo è sospeso in uno stato di torpidità dal tetto della sua caverna o dal lato interno di un albero cavo.
Questo è esattamente il vampiro che con i suoi affilati denti bianchi morde il collo della sua vittima e succhia il sangue dalle ferite che ha fatto, rimpinzandosi, come una grande sanguisuga umana, fino a quando non è pieno e pieno, quando si ritira nella sua tomba riposare, letargico e inerte fino al momento in cui si avvierà di nuovo per estinguere la lussuria alle vene di un giovane elegante e sanguinario.

Vai al Testo Originale

CONDIVIDI

Questo testo ha informazioni mancanti? Contattaci Ora!