mora-paraiso

Mora

COSITAS

Leggi il Testo, la Traduzione in Italiano, scopri il Significato e guarda il Video musicale di COSITAS di Mora contenuta nell'album PARAÍSO. “COSITAS” è una canzone di Mora. COSITAS Lyrics.

TRADUZIONE - Mora - COSITAS

Vai al Testo Originale
Vuoi inserire un nuovo brano? Inviaci il testo!

VIDEO MUSICALE


TRADUZIONE - Mora - COSITAS

Stai usando la mia mente
L'ha preso come giocattolo
E io che scommettevo che questo sarebbe stato diverso...
Sono un masochista che insegue un errore
Tu sei il film, ma un film dell'orrore
Vedere il letto senza di te mi rende irritabile

Perché mi hai fatto piccole cose che non si dimenticano
Oggi esco per strada, nel caso in cui vi stiate annoiando.
Sai che sei il benvenuto nel mio letto
So che mi immagina al piano di sotto e lei al piano di sopra.
Mi hai fatto delle piccole cose che non dimenticherai mai.
Dimmi dove vai oggi, mi annoio.
Se sono ancora nel tuo letto sono il benvenuto
Mi immagino anche io, io in basso e tu in alto
Io sono giù e tu sei su, oppure possiamo fare a cambio
Quel paraurti lo farà scappare via.
Sai cosa succederà, il tuo corpo andrà in tilt.
Forza, mettiti in posizione, te la applicherò
La mia mano sulla tua schiena
Quindi, tirate su la gonna, sarà una lunga notte.
Questo non è protetto, baby, Dio veglia su di noi
Mi piace che ci voglia sempre un po' di tempo per arrivare
Proprio come me, proprio come me
La vicina mi ha detto che ci ha sentiti ieri sera.
Ti ho detto un paio di volte di abbassare la voce.
Questa storia va avanti da molto tempo e non so nemmeno come sia nata.
Sei proprio come me, ma', sei proprio come me
Ecco perché quando scopiamo siamo sempre in più di due...
Se solo sapesse tutte le volte che non l'ha mai scoperto
Digli di non comprare fiori, che è già marcio

Mi hai fatto piccole cose che non si dimenticano.
Oggi vado in strada, nel caso in cui vi stiate annoiando.
Se sono ancora nel tuo letto sono il benvenuto
Mi immagino anch'io al piano di sotto e tu al piano di sopra.

Ti vedrò di nuovo per rinfrescarmi la mente
Ma andiamo a ritroso per vedere come ci si sente
C'è un parcheggio sul retro nel caso in cui non ci sia un parcheggio sul davanti
Andiamo verso l'oscurità e non verso la trasparenza
Siamo connessi, anche se non c'è mai segnale in discoteca.
Mi hai fatto disegnare cuori sul vetro
È il weekend delle barche, facciamolo in mare
Entriamo e portiamolo giù con il sale
Perché l'ultima volta non è stata l'ultima volta
Mi dovevi qualcosa e ieri sera te l'ho fatto pagare
Non ti ho chiesto un bacetto, papà, te l'ho rubato.
E sappiamo entrambi cosa è successo dopo
Tesoro, l'ultima volta non è stata l'ultima volta
Mi dovevi qualcosa e ieri sera te l'ho fatto pagare
Non ti ho chiesto un bacetto, mamma, te l'ho rubato.
E sappiamo entrambi cosa è successo dopo

Vai al Testo Originale

CONDIVIDI

Questo testo ha informazioni mancanti? Contattaci Ora!