I pubblici ministeri spagnoli hanno chiesto più di otto anni di carcere e una multa di circa 24 milioni di dollari per Shakira per presunta frode fiscale, in quanto le autorità stanno portando avanti il loro lungo processo contro la popstar colombiana.

I guai legali di Shakira sono iniziati nel 2018, quando le autorità spagnole l’hanno accusata di aver evaso le tasse per 14,5 milioni di euro, tra il 2012 e il 2014 – un periodo di tre anni durante il quale ha dichiarato di non essersi ancora trasferita ufficialmente in Spagna.

Venerdì, i pubblici ministeri hanno presentato sei accuse contro Shakira, 45 anni, dopo che lei aveva rifiutato un accordo di patteggiamento all’inizio della settimana, ha riferito El País. Secondo il quotidiano spagnolo, le autorità hanno evidenziato come fattori aggravanti del caso l’ingente ammontare di tasse che Shakira avrebbe dovuto pagare, nonché il fatto che abbia utilizzato paradisi fiscali offshore.

L’artista, vincitrice di un Grammy e famosa per canzoni di successo come “Hips Don’t Lie” e “Waka Waka“, ha negato in più occasioni di aver commesso illeciti, anche durante la sua testimonianza in tribunale nel 2019.

Gli addetti alle pubbliche relazioni di Shakira a Londra hanno dichiarato che la cantante “ha sempre collaborato e rispettato la legge, dimostrando una condotta impeccabile come individuo e contribuente“, come riporta l’Associated Press.

Il suo team di pubbliche relazioni in Spagna ha dichiarato che la cantante ha immediatamente rimborsato l’importo dovuto all’agenzia delle entrate del Paese una volta ricevuta la notifica. Ha inoltre depositato altri 3 milioni di euro di interessi.

Le accuse di frode fiscale si basano sul luogo in cui Shakira ha vissuto dal 2012 al 2014. Shakira sostiene che la sua residenza fiscale era alle Bahamas fino al 2015, quando si è trasferita a Barcellona con il suo compagno, il calciatore del FC Barcelona Gerard Piqué. (La coppia, che ha due figli, ha annunciato il mese scorso la fine della loro relazione durata 11 anni).

Ma secondo gli investigatori spagnoli, Shakira avrebbe trascorso più di 200 giorni nel Paese in ognuno di questi tre anni. Il governo spagnolo stabilisce che un individuo che soggiorna nel Paese per 184 giorni o più è considerato residente ai fini fiscali. Questi risultati, pubblicati per la prima volta da El País nel 2020, si basano su una ricostruzione degli orari di Shakira, come ad esempio gli avvistamenti pubblici da parte di fan e fotografi.

I procuratori sostengono inoltre che Shakira abbia acquistato una proprietà a Barcellona nel 2012, che in seguito è diventata la casa di famiglia che condivideva con Piqué, come riporta la Reuters.

Il suo team di pubbliche relazioni in Spagna e l’ufficio del procuratore di Barcellona non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

SHARE

I commenti sono disattivati per questo post