Justin Bieber vuole che i media smettano di usare foto “brutte” che mostrano quando soffriva della malattia di Lyme.

L’hitmaker di “What Do You Mean?” ha usato le sue storie di Instagram per richiamare i media per l’utilizzo di foto di lui da quando aveva la malattia di Lyme, che gli è stata diagnosticata nel 2019.

Sono ancora sotto shock stiamo ancora usando queste foto di me , ti sto dicendo che i media vogliono scegliere brutte foto di me per far sembrare che non sto bene“, ha iniziato il cantante.

Ci sono stati innumerevoli servizi fotografici e oppertunità per i media di prendere altre foto, ma ancora corrono con questa per farmi sembrare malato e non bene, non è giusto“.

Nella sua serie di documentari in dieci parti su YouTube, “Seasons“, Bieber ha rivelato che gli sono state diagnosticate diverse condizioni croniche, tra cui la malattia di Lyme e Epstein Barr, conosciuta anche come mono. Entrambe le condizioni causano stanchezza cronica, dolore e ansia.

Per alcune persone potrebbe non sembrare difficile alzarsi dal letto la mattina, ma per me è stato davvero difficile alzarmi dal letto“, ha detto il cantante nel documentario.

Ho lottato con la mia energia per un bel po’ di tempo, e non sapevo perché. Ho capito dopo una serie di test che ho quello che si chiama malattia di Lyme, che è una malattia super silenziosa che non è molto conosciuta. È molto difficile per i medici testarla“.

Sul suo Instagram, ha postato esempi delle foto di cui stava parlando, dicendo che erano di un periodo in cui era “davvero malsano“. Ha chiesto alle aziende dei media di usare nuove foto che mostrino dove si trova ora, invece di quando era “spettinato” e “in un momento difficile“.

Ha finito con una nota sui limiti e il perdono.

Comprendi che ci sono persone nella tua vita che non vogliono che tu prosperi, e a volte è una pillola difficile da ingoiare“, ha scritto la star.

A volte le persone che ami di più saranno gelose di te. Tutto quello che possiamo fare è perdonarle e stabilire i confini appropriati“.

SHARE

I commenti sono disattivati per questo post