Billie Eilish conferma la sua precedente relazione con Brandon Quention Adams nel suo nuovo documentario “Billie Eilish: The World’s a Little Blurry“.

Il film di Apple TV+ ha debuttato giovedì, con gli spettatori trattati per la prima volta con un’istantanea della storia d’amore di Billie e Brandon in una clip del novembre 2018 – quando lei aveva 16 anni e lui 22.

Ehi, Q“, dice lei mentre la coppia si abbraccia nel backstage di uno dei suoi concerti al The Fonda Theatre di Los Angeles. “Sei bella da morire“.

Lei e Brandon – che si esibisce con il nome d’arte 7:AMP – sono poi visti tenersi per mano mentre pattinano alla sua festa di 17 anni.

Lui è così bello“, dice Billie mentre guarda una foto di se stessa e del suo spasimante sul suo telefono, “Oh, mio Dio“.

Il documentario continua a raccontare gli alti e bassi della loro ex relazione, con Billie vista dirgli: “Ti amo. Sono innamorata di te” ad un certo punto.

E quando lui ammette di aver guidato ubriaco pochi giorni dopo, la star di “Bad Guy” dice: “Non voglio che tu lo faccia. Sento che non mi prendi sul serio quando lo dico. Voglio solo che tu sia al sicuro“.

Il punto di rottura della loro relazione è arrivato nell’aprile 2019, quando Brandon si è recato a Indio per sostenere Billie alla sua prima performance Coachella, ma non ha fatto in tempo a vederla dopo.

Pochi istanti dopo, Billie conferma che si sono lasciati, spiegando:

Non ero felice, e non volevo le stesse cose che voleva lui, e non penso che sia giusto per lui. Non penso che in una relazione si debba essere super eccitati per certe cose di cui all’altra persona non potrebbe importare di meno. Non penso che sia giusto per te. Non penso che sia giusto per lui.

E c’era solo una mancanza di sforzo, credo. Ero letteralmente come, ‘Amico, non hai nemmeno abbastanza amore per amare te stesso. Non puoi amarmi, amico. E non lo fai. Pensi di farlo“.

Non voglio aggiustarlo. Non posso sistemarlo. Ci ho provato“.

Billie Eilish: The World’s a Little Blurry” è ora in streaming su Apple TV+.

 

 

SHARE

I commenti sono disattivati per questo post