La prima serata della settantunesima edizione del Festival di Sanremo 2021 viene inaugurata con le nuove proposte, iniziando con “Polvere da Sparo” di Luca, meglio conosciuto come Gaudiano.

Una ballata accompagnata da ritmi crescenti elettro pop dance, “Polvere da Sparo” parla del dolore di Gaudiano per la morte del padre.

Descrivendo la sua impotenza verso la malattia che gli ha portato via l’amato padre come una rabbia che brucia, in “Polvere da SparoGaudiano vuole dare enfasi all’accettazione di un dolore e alla conseguente rinascita di chi lo affronta, dando un senso alla propria esistenza.

Polvere da sparo è la canzone che non avrei mai voluto scrivere. Il 28 marzo 2019 è venuto a mancare il mio papà. E questa canzone è il prodotto di tutte le riflessioni che ancora oggi mi accompagnano e mi aiutano nella medicazione quotidiana di questa ferita. Credevo di non essere all’altezza del dolore che provo, invece poi ho trovato le parole o forse loro hanno trovato me.”

La serata continua con “Che ne so” di Elena Faggi. Scritto interamente da lei, e prodotto dal fratello Francesco Faggi, “Che ne so” parla della fase iniziale di un innamoramento, della “frenesia” iniziale e l’ossessione che ci porta a viaggiare con la mente e a fantasticare un possibile futuro con la persona che ci piace.

Ho scritto “Che ne so” poco prima delle settimane che hanno preceduto il lockdown di marzo 2020, nel periodo in cui la scuola era come in “pausa”, in attesa di capire come sarebbe cambiato tutto. Ho avuto più tempo per pensare, scrivere e ho raccontato una mia esperienza che penso alla fine possa riguardare tante persone. Può capitare a tutti di iniziare a provare qualcosa per qualcuno, non sapendo se si è ricambiati e vivendo un continuo altalenarsi di emozioni e di pensieri e, a volte, è proprio quella persona a confonderci, a continuare ad illuderci, magari neanche rendendosene conto.

La terza nuova proposta è Avincola con il suo brano originale e particolare intitolato “Goal!“.

“Goal!” è la visione di un panchinaro. Tutti, almeno una volta nella vita, ci siamo ritrovati a essere dei panchinari e a guardare gli altri giocare. La metafora della mia canzone è l’idea che prima o poi ci si possa ritrovare inaspettatamente a entrare in campo al novantesimo minuto per giocare la propria partita e, magari, capovolgere il risultato. E’ quel sentimento di riscatto che inseguiamo tutti i giorni prendendo la rincorsa da lontano.

Per chiudere la prima sezione delle nuove proposte della prima serata del Festival di Sanremo 2021, si presenta Daniele Folcarelli, in arte Folcast, con il suo “Scopriti“, brano che parla della solitudine, della mancante motivazione nel ritrovarsi, della ricerca di una scossa che risvegli la voglia di vivere, dopo essersi persi in se stessi.

Bisogna capirsi nel profondo per poi rinascere, sempre.

A vincere la prima manche delle “nuove proposte” sono Folcast e Gaudiano, i quali rivedremo nella puntata di venerdì (05/03).

SHARE

I commenti sono disattivati per questo post