L’anno prossimo Cardi B affronterà una giuria in un processo per l’accusa di aver usato il tatuaggio di un uomo sulla copertina del suo primo mixtape.

Kevin Brophy, Jr. ha affermato che l’uomo nella foto sulla copertina della sua compilation di “Gangsta B**ch Music Vol. 1” ha un tatuaggio sulla schiena di una tigre che combatte contro un serpente che assomiglia a un suo disegno, e chiede 5 milioni di dollari (4 milioni di sterline) di risarcimento danni per la violazione del suo diritto di pubblicità.

Mentre la Cardi ha contrattaccato e ha chiesto l’archiviazione del caso in agosto, il giudice della Corte distrettuale degli Stati Uniti Cormac Carney ha respinto la sua mozione. Il caso è andato alla corte federale venerdì, con la stella Bodak Yellow che sostiene che l’immagine di copertina è un uso giusto e trasformativo della somiglianza di Brophy.

Tuttavia, il giudice Carney non era d’accordo, affermando:

Per costituire un uso equo e trasformativo, l’immagine rivista deve avere elementi trasformativi o creativi significativi per renderla qualcosa di più di una semplice somiglianza o imitazione. Una giuria ragionevole in questo caso potrebbe concludere che non ci sono sufficienti elementi trasformativi o creativi sulla copertina del GBMV1 per costituire un uso trasformativo del tatuaggio della querelante.

La cosa più significativa è che gli elementi definitori, tra cui la tigre e il serpente, rimangono praticamente invariati. In queste circostanze, una giuria dovrà decidere il merito della difesa dell’imputato.

Il giudice Carney non era d’accordo con il consulente di Brophy, Douglas Bania, su quanto danno e quanto denaro fosse legato all’uso dell’immagine per “Gangsta B**ch Music Vol. 1“.

In altre parole, la teoria di Bania significa che se gli imputati non avessero usato il tatuaggio della querelante sulla copertina del GBMV1, Cardi B non avrebbe guadagnato nulla sull’album – almeno sui servizi di streaming dove il tatuaggio appare. Non c’è assolutamente alcuna base per questa conclusione, e la Corte nel suo ruolo di gatekeeper non permetterà a una giuria di fare affidamento su di essa.

SHARE

I commenti sono disattivati per questo post