Leggi il Testo, scopri il Significato e guarda il Video musicale di ME VULEV FA RUOSS di Geolier contenuta nell'album IL CORAGGIO DEI BAMBINI – ATTO II. “ME VULEV FA RUOSS” è una canzone di Geolier. ME VULEV FA RUOSS Lyrics.

TESTO - Geolier - ME VULEV FA RUOSS

DESCRIZIONE

"Me Vulev Fa Ruosso" è una canzone dell'artista italiano Geolier. Il testo della canzone riflette un mix di emozioni, con una profondità che esprime sentimenti di dolore, delusioni e desideri di riscatto. Geolier utilizza metafore e immagini per rappresentare la sua vita e le sue esperienze. La canzone parla di una persona che si sente trascurata e tradita dalle persone intorno a lui, con sospetti di ipocrisia. Geolier esprime anche una certa insoddisfazione esistenziale e desidera qualcosa di più significativo. L'artista riflette anche sulla propria vita, esprimendo l'importanza di lasciare un'impronta e il desiderio di non essere dimenticato. La canzone è un'esplorazione delle profondità emotive dell'artista, con un mix di rabbia, rassegnazione e speranza per un futuro migliore.


VIDEO MUSICALE

TESTO - Geolier - ME VULEV FA RUOSS

Yeah

Nun me manca manco ll'aria quando fummo
Nun domande manco quanto faje, 'o ssaje 'e sicuro
I' me chiedo nu dimane si Gesù rimane misericordioso
Tengo mmano tutte cose, nun me pesa, nun 'o pposo
Nun tradisco, piuttosto famme murí mo mo
Tengo frate ca nu parlano, ma agisceno, capisceno si dico coccosa
L'
Africa Twin è 'a morte, i' me so' stato accorto sempe

Avé rapporte serie, no primma 'e Valeria
Riale pe sempe, fin quanno me fanno ll'esequie
Sto viaggianno cauto, trenta grade dint'a n'auto
Nun te dico quale, sto 'int'a ll'
Emirati, quindi immagina
No 'a solita machina, immagina

C'ammo addurmuto a quatto 'e nuje 'ncopp'a nu divano
Pensavamo a durmí sultanto, già era assaje
Nisciuno c'ha dato na mano quanno nn''o tenevamo
E c'invitano a mangiá mo ca nn'tenimmo famme

Tu murisse pe'mmé? '
A verità t'acceresse 'a ll'interno
Me sapisse spará si servesse a luá
Tutta 'sta sofferenza che tengo?
Nu dimane sarraggio leggenda
Sparo in aria che parlo ch''e stelle
Me vulevo fá 'ruosso, ma aggio esaggerato
Fra', me congelavo in inverno (In inve')


Yeah, m'hê 'mparato 'e cose che te-tengo mo
Veleno 'ncorpo, t'addorme 'o dulore
Giuro, nun me 'mporta d''e sorde
Tengo una vita, c'aggi''a lasciá l'impronta
Machine rosse nun ce fanno pigliá valore
Nu frate sta chiuso dint'â gabbia e nun vede ll'ora
M'aggio accattato nu rilogio
Ma, quando 'o metto, faccio in modo ca 'a felpa m''o copre
Femmene e femmene fanno na fff
Prego a Dio, forse m'assolve
Pusate 'sti cose, so' a salve
Nun me saccio riconoscere in fondo
Forse sta n'ata persona ca sbaglia
Quando te spuogle, essa spoglia a te e tu spuoglie a essa
Quando te vieste, ognuno fa da sé, nun ce pienze
Simmo comm''o proiettile, te guardammo attraverso
Pe chesto cerco 'a mano 'e papà quando attraverso
Pe fratemo ca 'mpegnaje ll'oro pe m'accattá 'o mezzo
Steva tremila, 'o pavajemo cinche c''o nteresse
I' nun regno tutt''e doje 'e mmane si me conto tutt''e cumpagne
Forse regno 'a casa 'e infame chine 'e buste d''e contante che faccio

C'ammo addurmuto a quatto 'e nuje 'ncopp'a nu divano
Pensavamo a durmí sultanto, già era assaje
Nisciuno c'ha dato na mano quanno nn''o tenevamo
E c'invitano a mangiá mo ca nn'tenimmo famme

Tu murisse pe'mmé? '
A verità t'acceresse 'a ll'interno
Me sapisse spará si servesse a luá
Tutta 'sta sofferenza che tengo?
Nu dimane sarraggio leggenda
Sparo in aria che parlo ch''e stelle
Me vulevo fá 'ruosso, ma aggio esaggerato
Fra', me congelavo in inverno (In inve')

CONDIVIDI STORIES

Crea gratuitamente un'immagine con i tuoi versi preferiti pronta per essere condivisa nelle tue storie social.
Vuoi inserire un nuovo brano? Inviaci il testo!

Questo testo ha informazioni mancanti? Contattaci Ora!