Galimatias

INFORMAZIONI ARTISTA

Il termine supercàzzola (storpiatura dell’originale supercàzzora) è un neologismo (entrato nell’uso comune dal cinema) metasemantico, che indica un nonsenso, una frase priva di senso logico composta da un insieme casuale di parole reali e/o inesistenti, esposta in modo ingannevolmente forbito e sicuro a interlocutori che, pur non capendo, alla fine la accettano come corretta. Il termine è utilizzato per indicare chi parla senza dire nulla. Nel 2015 la definizione di supercazzola è stata inserita nel vocabolario Zingarelli.
L’invenzione della supercazzola viene attribuita a Corrado Lojacono, prima che la “parola d’autore” fosse ripresa poi nel film Amici miei di Mario Monicelli (1975), che racconta le vicende di un gruppo di amici burloni che si divertono a corbellare il prossimo. È soprattutto Ugo Tognazzi, nei panni del conte Raffaello Mascetti (detto Lello), a far uso della supercazzola.
Il termine “supercazzola” viene eletto a definizione di questa tecnica in seguito a una burla “rovinata” dall’intromissione del personaggio di Guido Necchi (Duilio Del Prete), che il conte Lello Mascetti apostrofa dicendo:

I TESTI PIÙ CERCATI DI GALIMATIAS